Cedric, dove sei? Da Palombo a Schelotto, passando per Shaqiri: i peggiori flop del mercato di gennaio

Cedric, dove sei? Da Palombo a Schelotto, passando per Shaqiri: i peggiori flop del mercato di gennaio

Nelle ultime stagioni l’Inter è intervenuta spesso sul mercato a gennaio, sbagliando più volte le scelte: andiamo a ripercorrere tutti gli acquisti fallimentari degli ultimi 10 anni

di Nunzio Corrasco, @ncorrasco

SHAQIRI E L’ACCOGLIENZA ALL’AEROPORTO 

shaqiri1.jpg

Nella stagione 2014-2015, oltre a Podolski, a Milano è arrivato anche Xerdan Shaqiri. L’esterno offensivo svizzero era uno dei pezzi pregiati del mercato invernale, con il Bayern Monaco che aveva deciso di cederlo, attirando l’attenzione di diversi club europei. Quando la dirigenza nerazzurra è volata a Monaco in un vero e proprio blitz di mercato per chiudere la trattativa con il club bavarese, tra i tifosi interisti si respirava un clima davvero euforico. Shaqiri, infatti, era considerato un calciatore importante, capace di compiere proprio in maglia nerazzurra l’ultimo salto di qualità che gli mancava per affermarsi definitivamente. Il suo arrivo a Milano è stato accompagnato dall’entusiasmo dilagante dei tifosi, accorsi numerosi all’aeroporto per fargli gli onori di casa. Sul rettangolo verde da gioco, dopo un inizio promettente, coronato da un importante gol realizzato in Coppa Italia contro la Sampdoria, la stagione di Shaqiri si è trascinata lentamente nell’anonimato ed il rapporto tra il calciatore elvetico e Mancini si è incrinato: al termine della stagione, infatti, il talento svizzero viene ceduto al Southampton o meglio, il club inglese rileva dall’Inter le condizioni del pagamento di Shaqiri: l’elvetico, infatti, era arrivato a Milano in prestito gratuito, con obbligo di riscatto fissato a 15 milioni. Soldi che l’Inter non ha mai sborsato, lasciando che fosse il Southampton a farlo.

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy