ESCLUSIVA – Biasin: “Conte ha detto sì all’Inter. Icardi? Futuro indecifrabile”. E sul mercato…

ESCLUSIVA – Biasin: “Conte ha detto sì all’Inter. Icardi? Futuro indecifrabile”. E sul mercato…

Il noto opinionista di fede nerazzurra si è concesso ai microfoni di Passioneinter per parlare del possibile approdo a Milano di Antonio Conte

di Raffaele Caruso

In attesa di capire quale sarà il piazzamento finale in campionato e se l’Inter si riconfermerà per il secondo anno consecutivo in Champions League, la dirigenza nerazzurra è già al lavoro per programmare la prossima stagione che potrebbe iniziare con una clamorosa novità. Luciano Spalletti, dopo due campionati e innumerevoli casi da gestire che hanno condizionato il suo percorso sulla panchina della Beneamata, potrebbe lasciar spazio ad… Antonio Conte!

Il profilo dell’ex commissario tecnico della Nazionale italiana è accostato da tempo alla panchina nerazzurra ma nelle ultime settimane la sua candidatura risulta essere sempre più forte. Marotta e Steven Zhang sono intenzionati a puntare tutto su Conte per contendere già il titolo alla Juventus a partire dalla prossima stagione: un’indiscrezione che al momento pare trovare conferma su tutti i principali quotidiani sportivi con l’ex tecnico del Chelsea che avrebbe vinto il duello a distanza con il tanto amato ex José Mourinho.

Per sapere qualcosa in più, la redazione di Passioneinter.com ha intervistato in esclusiva Fabrizio Biasin, giornalista di Libero e noto sostenitore nerazzurro, che ieri si è sbilanciato proprio sull’arrivo di Conte all’Inter.

Fabrizio, Antonio Conte prossimo allenatore dell’Inter. Ieri ti sei esposto su questa possibile soluzione in vista della prossima stagione e oggi i giornali rilanciano con fermezza quest’indiscrezione. A che punto è la trattativa?

La possibilità è concreta. Marotta e Conte si sono già sentiti in passato e ora anche nel presente, la possibilità che i due ritornino a lavorare insieme è molto plausibile. Ovviamente non possiamo dire con sicurezza che Conte sarà il prossimo allenatore dell’Inter. Per questi discorsi ci sono tante cose da incastrare come l’ingaggio corposo e il contratto di Spalletti. Ma la possibilità è concreta perché c’è la volontà di Conte. Non c’è un no, Conte ha detto sì all’Inter”.

Hai anche parlato di un possibile ritorno in nerazzurro di Lele Oriali che ha lavorato con Conte già in Nazionale…

“La mia è più una speranza. Nel mio immaginario ideale il possibile arrivo di Conte insieme al ritorno di Oriali all’Inter sarebbe perfetto. I due hanno lavorato insieme molto bene in Nazionale e si sono trovati alla grande, per cui io immagino che potrebbe essere una cosa fattibile. Non è così impossibile questo scenario”.

Conte-Marotta-Oriali, immaginiamo questo tridente al comando dell’Inter. Un tridente che potrebbe già contendere lo scudetto alla Juventus il prossimo anno…

E’ chiaro che non bisogna esagerare con le ambizioni. Queste sono legittime ma si deve restare con i piedi per terra. Il percorso dell’Inter è quello di una squadra che sta provando, da quando è arrivata Suning, a fare un passo alla volta per tornare ai fasti di un tempo. E lo sta facendo. E’ chiaro che con Conte si aumenta l’andatura, da qui a dire che si possa combattere da subito con la Juventus ce ne passa. Di sicuro si può ridurre notevolmente la differenza che è notevole”. 

Una gran parte dei tifosi nerazzurri sono contrari all’arrivo di Conte sulla panchina dell’Inter per il suo passato alla Juventus. Cosa ne pensi?

E’ evidente che lui porterebbe all’Inter molta Juventus. E’ cresciuto calcisticamente lì, ha vinto a Torino sia da giocatore che da allenatore. Di conseguenza è comprensibile che ci possa essere del fastidio e del malcontento da parte dei tifosi ma dobbiamo valutare la professionalità di un allenatore. In questo specifico caso Conte ha fatto grandissime cose sia in Italia che all’estero e ci si augura che possa fare lo stesso sulla panchina dell’Inter. Una volta che Conte mostrerà a tutti la sua professionalità, io credo che non ci sarà nessun problema da parte dei tifosi ad accettarlo. La cosa importante non è quello che è successo nel passato, ma quello che si è in grado di fare nel presente e nel futuro”.

Con l’arrivo di Conte quali potrebbero essere le novità sul mercato nerazzurro? 

“E’ difficile ragionarci ora sopra perché siamo ancora nell’ambito della possibilità di vedere Conte sulla panchina dell’Inter. E’ ancora presto per ragionare sul mercato però sappiamo qual è l’impronta che Marotta vuole dare a partire dalla prossima estate. Lui vuole costruire uno spogliatoio solido dal punto di vista mentale, composto da giocatori che hanno già vinto qualcosa. I Godin di turno, quelli che quando arrivano i problemi sanno come affrontarli e risolverli senza dover passare per forza dal papà, diciamo così. Quindi mi aspetto di vedere a Milano giocatori esperti, come Godin ma non solo, e giovani che invece hanno già dimostrato qualcosa di concreto. Un nome? Barella che rimane un obiettivo concreto”.

Per un Conte che arriva, c’è uno Spalletti che potrebbe andare via. Luciano paga la gestione del caso Icardi? 

Spalletti sta facendo il suo buon lavoro. L’anno scorso è stato chiamato per riportare la squadra in Champions League e ci è riuscito. Anche con un pizzico di fortuna ma lo ha fatto. Quest’anno è chiamato a tornarci e si spera che ci possa riuscire. E’ vero che il percorso europeo è terminato un pochino in anticipo, è vero che in Coppa Italia le cose non sono andate bene però lo promuovo perché ha fatto quello per cui è stato chiamato: riportare l’Inter in Champions e consolidare questa posizione. Se l’Inter vuole fare un passo in avanti, probabilmente ha bisogno di un allenatore che abbia caratteristiche diverse. E Conte potrebbe rappresentare la giusta soluzione”.

In ballo c’è il futuro di Icardi: il possibile approdo di Conte in nerazzurro potrebbe convincere l’argentino a rimanere a Milano?

“Non c’è una risposta a questo perché se ne è parlato così tanto nelle ultime settimane del suo presente e del suo futuro che non c’è in questo momento nessuno che possa dare una risposta concreta. Neanche Icardi stesso o la stessa società. Non c’è un’idea chiara su quello che sarà il suo futuro”.

LA REDAZIONE DI PASSIONEINTER RINGRAZIA FABRIZIO BIASIN PER LA CORTESIA E DISPONIBILITÀ CONCESSA

Difesa a 3 e mercato: ecco come sarebbe la nuova Inter di Conte

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy