FOCUS – Ecco la situazione contrattuale dei giocatori dell’Inter

FOCUS – Ecco la situazione contrattuale dei giocatori dell’Inter

Commenta per primo!

Conclusa la sessione invernale di calciomercato è giunta ora di dare uno sguardo all’interno della squadra e analizzare la situazione contrattuale dei singoli giocatori con le relative strategie future della società.

CONTRATTI IN SCADENZA A GIUGNO – Sono ben cinque i contratti in scadenza alla fine di questa stagione. Allo stato attuale potrebbero svincolarsi dalla squadra a giugno i seguenti nomi: – Luca Castellazzi: portiere, 37 anni a luglio; – Paolo Orlandoni: portiere, 40 anni ad agosto; – Cristian Chivu: difensore, 32 anni a ottobre; – Ivan Ramiro Cordoba: difensore, 36 anni ad agosto; – Walter Samuel: difensore, 34 anni il mese prossimo. Come si può ben evincere dalla lettura di questi nomi, ci sarà un cambio generazionale in porta e in difesa che apre a diverse valutazioni, iniziamo con gli estremi difensori.

PROBLEMI IN PORTA – Sicuramente Julio Cesar al termine di questa stagione si troverà senza riserve e pertanto la società ha davanti a sé un ventaglio di tre possibili scelte. 1) La prima consiste nell’affiancare al brasiliano un secondo con esperienza e pertanto di sicuro affidamento come fece con Castellazzi per sostituire Toldo, mossa questa che sulla carta fornisce buone garanzie ma allo stato attuale non si profilano all’orizzonte candidati a ricoprire questo ruolo. 2) Una seconda alternativa consiste nel richiamare alla base il promettente Bardi (quest’anno a Livorno) per farlo maturare un anno accanto a Julio Cesar e prenderne poi il testimone. Non dimentichiamo che lo stesso portiere brasiliano maturò un anno nella Verona sponda Chievo sotto gli insegnamenti di un vicecampione del mondo come Marchegiani, periodo quello sicuramente molto importante per la formazione di colui che sarebbe diventato uno dei più forti portieri al mondo. 3) La terza ipotesi è legata a Viviano, attualmente in prestito al Palermo e in comproprietà con il Genoa. Di difficile lettura la sua situazione in quanto le due squadre detentori del cartellino hanno entrambe nel proprio organico due estremi difensori di sicuro affidamento come Frey e Julio Cesar. Quest’ultimo a settembre arriverà a quota 33 primavere e il suo contratto scadrà nel 2014, data coincidente con gli attesissimi Mondiali in Brasile. Sarà disposta l’Inter a rinunciare a Julio Cesar per aprire un nuovo ciclo con Viviano? Scelta indubbiamente coraggiosa anche perché, contrariamente al suo connazionale Dida, Julio Cesar anche in età più che matura si sta rivelando un portiere affidabile. Se poi consideriamo che quello del portiere è un ruolo dove i giocatori restano al top anche ben al di là dell’età over 30, non è tutto sommato errato pensare che il brasiliano possa giocare ancora un altro paio di stagioni di alto livello fino ai sopracitati Mondiali 2014. Sicuramente lo stesso estremo difensore infine vorrà sfruttare al massimo la vetrina nerazzurra per garantirsi il posto da titolare nei Mondiali di casa, suo ultimo grande appuntamento, e anche per questo una sua sostituzione resta un rebus sia sul nome del sostituto che sul momento più opportuno.

LA SCOMMESSA DIFESA – Passiamo ai difensori. Via Chivu, Cordoba e Samuel la società ha già agito al ricambio generazionale con l’ingaggio di Ranocchia, Caldirola (che tanto bene sta facendo al Brescia oltre che in Under 21) e per ultimo Juan Jesus. Un terzetto questo dalle grandi prospettive e sul quale vale la pena puntare e integrare con l’esperienza di un Lucio ancora fresco di rinnovo contrattuale fino al 2014. Il vuoto lasciato da Chivu verrà presumibilmente ricoperto da Caldirola in quanto come il rumeno è anch’egli un difensore centrale adattabile al ruolo di terzino sinistro.

CONTRATTI IN SCADENZA NEL 2013 – Da analizzare anche la situazione contrattuale dei giocatori in scadenza la stagione successiva perché in virtù di essa potrebbero divenire protagonisti del prossimo mercato estivo. I calciatori che vedono il loro legame professionale con l’Inter estinguersi nel 2013 sono tre: – Maicon: difensore, nel 2013 avrà 32 anni; – Javier Zanetti: essere superiore, avrà 40 anni; – Diego Forlan: attaccante, avrà 34 anni. Anche qui sono varie le situazioni da analizzare, andiamo con ordine. L’estate di Maicon sarà rovente dal punto di vista contrattuale perché l’Inter sarà costretta a prolungargli il contratto per non correre il rischio di perderlo gratuitamente l’estate successiva. Sicuramente il valore di mercato a giugno sarà inferiore rispetto a quello del 2010 e pertanto il suo cartellino sarà alla portata di diverse squadre che potrebbero anche garantirgli un lauto stipendio (City e PSG per fare due nomi). Che sia giunta pertanto l’ora del divorzio tra l’Inter e uno dei terzini più forti della sua storia? Difficile da dirsi, anche perché il vero problema risiede nel trovare un sostituto al brasiliano sia in rosa (Faraoni è bravo ma ancora troppo acerbo per giocare a livelli da top club europeo) che in altre squadre. La soluzione più probabile sta in un rinnovo di contratto fino al 2014 o 2015 come fatto con Lucio con la società che nel frattempo si adopererà per trovare un giovane che possa sostituirlo. Per Zanetti la situazione è diversa. Il rischio di una cessione a giugno del capitano è pari alle probabilità di vedere Milano invasa dagli alieni e pertanto – fortunatamente – non la prendiamo nemmeno in considerazione. Con infinita tristezza ci viene da pensare che la prossima sarà con ogni probabilità l’ultima stagione di questo leggendario campione salvo poco probabili miracoli di cui però solo lo stesso Zanetti è in grado di regalarci. La posizione di Forlan è infine abbastanza semplice. Dopo la deludente annata corrente salvo particolari offerte resterà in nerazzurro un altro anno finché poi alla scadenza se ne tornerà trentaquattrenne in Uruguay per chiudere lì la carriera con l’obiettivo ultimo Mondiali un anno dopo.

CONTRATTI IN SCADENZA NEL 2014 – Trattasi degli ultimi superstiti dello storico triplete ossia Julio Cesar, Lucio, Cambiasso, Stankovic e Milito.

CONTRATTI IN SCADENZA NEL 2015 – Ranocchia, Palombo, Pazzini e Sneijder che se decidesse di non lasciare l’Inter potrebbe diventare pertanto il capitano del futuro.

CONTRATTI IN SCADENZA NEL 2016 – Juan Jesus, Nagatomo, Poli, Guarin, Faraoni, Alvarez. Castaignos.

Come questa ampia analisi ha potuto mostrare, a partire da quest’estate si inizieranno a vedere i frutti della campagna di ringiovanimento della società. Per quanto riguarda il primo reparto che necessita – e che avrà a causa delle scadenze contrattuali – un ricambio generazionale, ci sembra che la dirigenza abbia già anticipato con una stagione d’anticipo la sostituzione delle vecchie colonne difensive. Indubbiamente sulla carta il progetto in atto è più che buono ma sarà come sempre il campo a decretare i reali valori dei promettenti Juan Jesus, Caldirola e Ranocchia. Contrariamente ad altre squadre l’Inter ha già nel presente iniziato a operare in vista del futuro e non ci sentiamo di condannare questa politica della società sebbene inizialmente essa come prevedibile potrebbe incontrare grandi difficoltà ad affermarsi. Il progetto giovani è in atto, se si aprirà un nuovo ciclo vincente o le promesse resteranno incompiute come nel progetto Arsenal sarà solo il tempo a dircelo. Restiamo in attesa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy