Mercato – Berardi e Candreva hanno dato l’ok al trasferimento. Gabbiadini e Borini le alternative

Mercato – Berardi e Candreva hanno dato l’ok al trasferimento. Gabbiadini e Borini le alternative

I due italiani hanno dato il loro assenso a trasferirsi a Milano, anche se permangono le difficoltà nelle trattative con Sassuolo e Lazio: per questo motivo si valutano alcune alternative

di Filippo Sartirana, @f_sartirana
agente berardi

Il gruppo Suning, appena insediatosi alla guida del club nerazzurro, ha intenzione di regalare ai tifosi interisti un doppio colpo in entrata, uno straniero e uno italiano. Se il nome straniero che circola è sempre quello di Gabriel Jesus (su cui è bagarre con la Juventus), è risaputo che i due obbiettivi italiani sono sicuramente Antonio Candreva e Domenico Berardi. Per entrambi permangono le difficoltà nelle trattative con Lazio e Sassuolo, ma secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport sia l’esterno romano che il classe ’94 calabrese hanno già mostrato il loro gradimento per un eventuale trasferimento a Milano. Per Berardi, il cui agente ha trovato da giorni l’accordo con i nerazzurri, il gruppo Suning è pronto a recapitare al club emiliano un’offerta da 25 milioni di euro che porterebbe il giovane ad uno scontro con il Sassuolo e di conseguenza con la Juventus; Ausilio ha messo tutto nelle mani del ragazzo, deve essere lui a forzare la mano con i neroverdi mostrando tutta la sua voglia di vestirsi di nerazzurro. Per Candreva invece l’Inter continua ad offrire 18 milioni di euro, ben 7 in meno di quelli richiesti da Lotito, che spera di scatenare un’asta internazionale coinvolgendo il Napoli e qualche big straniera come il Chelsea; il giocatore ha però messo la Beneamata in cima alle sue preferenze. Considerate le oggettive difficoltà nelle trattative con Lazio e Sassuolo, il Ds nerazzurro tiene pronte le alternative: sempre caldi i nomi di Gabbiadini (in uscita dal Napoli) e Borini (un nome che non tramonta mai).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy