Mercato – Tutti pazzi per Mauro. De Laurentiis: “Potevamo prendere Icardi anni fa ma certi amori non finiscono”. Intanto Wanda…

Mercato – Tutti pazzi per Mauro. De Laurentiis: “Potevamo prendere Icardi anni fa ma certi amori non finiscono”. Intanto Wanda…

Il presidente azzurro De Laurentiis e la moglie-manager Wanda Nara stanno lavorando ai fianchi l’Inter per riuscire a portare Mauro Icardi al Napoli

famiglia icardi

L’offerta è una di quelle che non si può rifiutare, almeno stando a quanto dice Wanda Nara; mentre la società nerazzurra continua a resistere ed ha rispedito al mittente l’ultima offerta da 50 milioni per il centravanti argentino. E mentre la moglie-manager di Icardi non lascia spazio a fraintendimenti, il presidente De Laurentiis, intervistato dal Corriere dello Sport, tiene alto un alone di mistero:

DE LAURENTIS – “Vorremmo che lcardi fosse il nuovo uomo dei sogni, com’è chiaro a tutti. Non mi piace entrare nelle pieghe di vicende che devono essere riservate, per quanto possibile. La stampa ha un suo ruolo, lo esegua, e dunque se indaga e scopre e scrive o racconta mi sta bene. Non mi sembrerebbe elegante, in questo momento, che sia io a rivelare alcuni aspetti privati. Ma che Icardi sia un centravanti straordinario lo dicono i numeri; l’avevamo praticamente preso prima che andasse all’Inter. Certi amori non finiscono, evidentemente. Certi amori…”

WANDA NARA – “Tutti a Napoli vogliono Icardi, presidente, allenatore e squadra – ha spiegato durante la trasmissione Infama ma Mauro è il capitano dei nerazzurri. Il Napoli ha offerto 7 milioni di euro più 3 per i diritti di immagine a mio marito, ed è già la terza offerta che ci fa; De Laurentiis ha proposto di diventare socio nella società d’immagine di Mauro, mentre all’Inter hanno offerto 50 milioni. Il film di Natale a Londra? Non posso trasferirmi, la situazione attuale non lo permette ma il presidente mi ha offerto un programma sulla tv italiana”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy