PUNTO MERCATO – Tra prestiti, conferme e progetti per giugno. E Calleri…

PUNTO MERCATO – Tra prestiti, conferme e progetti per giugno. E Calleri…

Commenta per primo!

Nonostante i diversi nomi che girano, come suggestioni per il mercato dell’Inter, sembra ormai chiaro come Roberto Mancini si molto soddisfatto della rosa a propria disposizione. L’enorme mole di cambiamenti nelle formazioni da una partita all’altra, con ottimi risultati, ne è la riprova. Per questo motivo, lo scenario plausibile in vista della sessione di mercato invernale presenta qualche prestito, con i giovani candidati a cambiare aria per maturare e trovare più spazio, e – laddove possibile – anche qualche cessione che, se portata a termine, potrebbe consentire l’innesto di uno o due tasselli per alzare ulteriormente il livello. Ciò che pare ormai certo è che verranno conclusi acquisti a gennaio se, e solo se, si tratterà di occasioni da non farsi scappare, altrimenti ogni discorso verrà posticipato a giugno. Analizziamo, reparto per reparto, la situazione tra giocatori in uscita e possibili futuri nerazzurri.

punto mercato inter calleri ranocchia

DIFESA – Si tratta del reparto con più margine di movimento. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un accordo vicino per il prestito di Andrea Ranocchia al Bologna, società con la quale la Beneamata sta tessendo rapporti molto fitti. Proprio su questo asse, potrebbero andare in porto altre trattative nel reparto difensivo: Adam Masina, uno degli uomini più in forma nella formazione di Donadoni, potrebbe aggiungersi al parco terzini dell’Inter, da cui potrebbero invece uscire in prestito MontoyaDodô. Diversa la situazione per D’Ambrosio, il preferito dalla squadra emiliana, il quale sta scalando le gerarchie di Mancini, anche approfittando dell’infortunio di Santon per l’ultimo mese. Rimanendo in Serie A, piacciono anche Izzo del Genoa e Jacopo Sala dell’Hellas Verona. Quest’ultimo è appena rientrato dopo i suoi problemi fisici e la cui squadra è attualmente ultima in classifica e difficilmente risalirà. Per questo, potrebbe rappresentare un’occasione, ancora di più, per giugno.

punto mercato inter calleri ranocchia

CENTROCAMPO – Come ampiamente ribadito nei punti mercato precedenti, il centrocampo è il settore più completo e, anzi, sovraffollato della squadra, insieme a quello dei terzini. Le intenzioni di Mancini e dell’Inter sembrano quelle di proseguire con questo organico, evitando quindi cessioni dolorose, come potrebbe essere quella di Brozović, che sta attirando su di sè le attenzioni di squadre inglesi come Chelsea e Arsenal. L’unico che potrebbe partire, nonostante la stima che il tecnico ha sempre dimostrato nei suoi confronti, è Fredy Guarín, ultimamente più in disparte. Il colombiano potrebbe essere richiesto dalla Juventus, e a fronte di un’offerta degna potrebbe fare le valigie. Sempre in ottica prestiti, Assane Gnoukouri potrebbe cercare minutaggio altrove, ma rigorosamente in prestito. Piace a Torino e Sassuolo, tra le altre.

punto mercato inter calleri ranocchia

ATTACCO – Da qualche settimana, il caso che tiene banco per il mercato offensivo ha un solo nome: Jonathan Calleri. La punta argentina sembra davvero vicina ai nerazzurri, ma resta da chiarire come e quando arriverà in Italia, aspettando ovviamente le ufficialità, uniche certezze in ambito di mercato. A quanto pare, l’attaccante del Boca Juniors riuscirà ad ottenere i documenti da comunitario entro metà gennaio, per evitare il problema degli slot alla società nerazzurra. Allora potrà firmare per l’Inter ed essere girato in prestito al Bologna, per ambientarsi nel calcio italiano con più minuti possibile. Sempre parlando dei buonissimi rapporti sull’asse Milano-Bologna, agli emiliani piace anche Biabiany, ma le sue ultime prestazioni degne di nota aumentano maggiormente la volontà della società, e di Roberto Mancini, di trattenerlo in rosa. Per quanto riguarda gli esterni d’attacco, l’unica entrata verosimile potrebbe essere quella di Feghouli del Valencia. Il club spagnolo è stato eliminato dalla Champions League e il suo contratto è in scadenza a giugno; questi due fattori potrebbero far ottenere un sensibile sconto sul cartellino dell’algerino, a meno che ì, nell’incontro fissato a inizio 2016 tra il giocatore e la sua attuale squadra, non si giunga ad un accordo per il rinnovo. Se non dovesse arrivare nessuno in attacco, da valutare anche la posizione di Manaj, che potrebbe tornare utile e sarebbe dunque rischioso privarsene, mandandolo in prestito a EmpoliFrosinone, entrambe interessate all’articolo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy