Sacchi: “Complimenti all’Inter e a de Boer. Ora serve continuità”

Sacchi: “Complimenti all’Inter e a de Boer. Ora serve continuità”

Le parole di Arrigo Sacchi sulla vittoria dell’Inter contro la Juventus al San Siro

intervista sacchi

Arrigo Sacchi ha parlato a La Gazzetta dello Sport della sfida tra Inter e Juventus, vinta per 2 a 1 dai nerazzurri: “Di incredibile al Meazza c’è stata anche l’Inter di de Boer che, deludente e bistrattata, in tre giorni ha cambiato faccia. Nel calcio come nella vita la motivazione è analoga alla benzina per un’automobile: senza benzina neanche una Ferrari parte. Il problema sorge quando la motivazione massimale la si raggiunge grazie al prestigio dell’avversario che si affronta. L’Inter di de Boer ha praticato un calcio propositivo e collettivo. Tutti hanno dato il massimo, anche quelli meno convincenti come Santon e D’Ambrosio“.

C’erano alla base una carica agonistica e uno spirito di squadra non sempre ammirati in passato. De Boer viene da un calcio che ha fatto della bellezza e del protagonismo delle ragioni di vita, domenica si è ammirata una squadra che cercava d’interpretarlo in modo positivo e fantasioso. Così è stato, con prestazioni superlative da parte di Icardi (forse deve stare meno lontano dalla palla per facilitare i suoi attacchi mirati) comunque uno straordinario giocatore; bravi i difensori centrali, autoritari e attentissimi, così come il generoso e tattico Medel. Joao Mario eBanega con i loro piedi buoni hanno dato qualità e un notevole apporto è giunto anche dagli esterni Eder, Candreva e Perisic. Pertanto complimenti all’Inter e al suo tecnico, ora occorre dare continuità, credo che tutti abbiano compreso che il problema principale sarà la motivazione e la professionalità delle persone nella ricerca dell’eccellenza“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy