Malagò durissimo: “Se fossi in Tavecchio mi dimetterei”

Malagò durissimo: “Se fossi in Tavecchio mi dimetterei”

Il presidente del Coni commenta così la disfatta italiana nelle qualificazioni al prossimo Mondiale

Commenta per primo!

Il presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha commentato in modo durissimo l’esclusione dell’Italia di Ventura dal Mondiale in Russia. Il suo attacco è stato rivolto in particolare al presidente della FIGC Carlo Tavecchio, che nella giornata di domani terrà una riunione nella quale si deciderà il futuro del ct e le strategie della Nazionale dopo questa clamorosa debacle. Ecco le parole di Malagò, riportate da Ansa.it.

“Ho sentito Tavecchio, gli ho chiesto che intenzioni avesse, e mi ha detto che domani ci sarà questa riunione in Figc. Come sapete è padrone di assumersi le responsabilità, ma se fossi in lui mi dimetterei – ha affermato – Oggettivamente in Figc non ci sono gli strumenti procedurali per procedere a un commissariamento. Un uomo di istituzioni deve ascoltare tutti ma anche ragionare con buonsenso con quelle che sono le norme. Il presidente del Coni può commissariare una federazione solo se non funziona la giustizia sportiva, i campionati o per gravi irregolarità amministrative. Ad oggi questi tre fatti non ci sono”.

LEGGI ANCHE: TAVECCHIO: “MANCATA QUALIFICAZIONE È UN INSUCCESSO SPORTIVO”

LEGGI ANCHE: IL METODO SPALLETTI PER IL RIENTRO DEI NAZIONALI

VENTURA SCEGLIE DE ROSSI, MA LUI: “METTI INSIGNE, NON DOBBIAMO PAREGGIARE!”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy