Axel Bakayoko: “Ho accettato l’Inter perché un’offerta così non torna più. Senza il calcio sarei un gangster. Sul futuro…”

Axel Bakayoko: “Ho accettato l’Inter perché un’offerta così non torna più. Senza il calcio sarei un gangster. Sul futuro…”

Il giocatore di proprietà dell’Inter è in prestito al San Gallo

di Lorenzo Della Savia, @loredstweet

E’ di proprietà dell’Inter, ma da un paio d’anni gira in prestito tra il Sochaux e il San Gallo, club svizzero in cui oggi milita. Axel Bakayoko, ala francese classe 1998, ha parlato in un’intervista pubblicata da Blick, giornale elvetico in lingua tedesca. Una chiacchierata che parte dalle origini del calciatore, una banlieue nel 93esimo dipartimento di Parigi: un ambiente in condizioni sociali decisamente lontane dalla normalità: “Si trattava di gangster intorno a me. Se senza il calcio sarei diventato uno di loro? E’ ben possibile – spiega – Per quanto difficile sia stata la mia giovinezza, non dimentico da dove vengo”.

“Il mio talento mi aiuta a vivere una buona vita”, continua Bakayoko, che prima di accettare l’Inter aveva su di sé anche le richieste del Lione e del Paris Saint-Germain. Entrambe rifiutate per accettare appunto la corte dei nerazzurri: “Mi son detto: un’offerta da un club simile non arriverà più”, dichiara. Così ci fu la firma e, qualche tempo dopo, l’esordio in prima squadra, in Europa League contro lo Sparta Praga: “In ogni sessione di allenamento, in ogni partita, puoi sentire cosa significa giocare all’Inter. Hai molta pressione”. Una battuta, infine, sul futuro: “Se mi piacerebbe restare a San Gallo? Certo, ma questo non dipende da me”.

CHE FINE HA FATTO – Lucio, l’eroe del Triplete passato alla Juventus

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy