Bergomi:”A Mancini interessano i punti non lo spettacolo, Melo ha tanti muscoli quanta personalità”

Bergomi:”A Mancini interessano i punti non lo spettacolo, Melo ha tanti muscoli quanta personalità”

alex telles inter juve

Ci pensa un ex nerazzurro, Beppe Bergomi, a fotografare la situazione in casa Inter, al termine della sessione estiva della campagna acquisti che ha regalato un gruppo nuovo a Roberto Mancini.

Queste le considerazioni di Bergomi a Tuttosport:

“Per le caratteristiche di leadership bisognerebbe capire come Felipe Melo si muoverà nello spogliatoio. Di sicuro Mancini ha avuto quello che voleva sul campo. Roberto cercava centimetri, chili e personalità in mezzo. Felipe Melo gli garantisce tutto questo. Dopo gli acquisti dell’ultimo giorno di mercato, in particolare quello di Melo — Bergomi ne è sicuro —, l’Inter ha raggiunto la forza delle rose di Roma e Juventus.
In conferenza ogni frase di Melo una sentenza? Anche questa è una caratteristica importante. Ripeto che però per queste cose bisogna trovarsi nello spogliatoio. Solo lì puoi capire quali sono le dinamiche reali di un gruppo. C’erano giocatori che da fuori sembravano leader e invece non sapevano nemmeno una parola d’italiano. Se penso a gente che parlava chiaro con cui mi è capitato di giocare, mi vengono in mente Matthaeus e Simeone. Loro erano due leader. Lothar era uno che diceva: “Oggi vinciamo con un mio gol”. E finiva puntualmente così: lui segnava e noi portavamo a casa la partita. Il Cholo era un altro trascinatore. Ci ha messo qualche mese a capire il calcio italiano, ma poi è diventato un faro”.

“Melo utile solo per la grinta? “Da quel punto di vista c’era già Medel. Un altro lottatore che non molla mai un pallone. No, l’Inter non aveva bisogno di questo. Serviva un giocatore con le caratteristiche chieste da Mancini davanti alla difesa“.
Ma per Beppe Bergomi il brasiliano è meglio del cileno e lo spiega così:“Perché Felipe Melo ha più chili e potenza. E’ una caratteristica fondamentale in Italia in questo momento. Se la qualità scende, la fisicità fa la differenza. E da noi attualmente non c’è molto talento in giro. Ma comunque era così anche quando c’erano i fuoriclasse. Ha vinto tanto il Milan di Sacchi con gli olandesi, tutti alti 1.90. Poi la prima Inter di Mancini, fatta di corazzieri. La Juventus degli ultimi anni ha tanti calciatori robusti. Mancini ha voluto ricostruire la stessa situazione di dieci anni fa. Non a caso, nel corso del mercato estivo, sono stati ceduti i giocatori più leggeri o piccoli: Kovacic, Hernanes e Shaqiri.
Bisogna fidarsi di Mancini. Gli allenatori hanno i loro pallini. Questo è un vantaggio ma anche un limite perché magari chiudi la porta a possibili novità. Però ormai è da qualche anno che Melo gioca in quel ruolo. Mi ricordo la sfida di Champions tra Galatasaray e Chelsea del marzo 2014. L’ho commentato per Sky. Il brasiliano era bloccato davanti alla difesa, mentre in passato con Juventus e Fiorentina era molto più incursore. Non a caso prima segnava di più. Ma così è diventato più disciplinato.
L’Inter non farà un gioco spettacolare? Non credo, Mancini punterà molto al risultato. Saranno soprattutto i tre davanti a occuparsi di decidere le partite. Gli altri dovranno proteggerli e accompagnarli. Roberto ha le idee molto chiare. Le prime due giornate lo hanno dimostrato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy