Burdisso rivela: “L’anno del Triplete Mourinho mi disse di non andare via. Sulla rissa di Valencia…”

Burdisso rivela: “L’anno del Triplete Mourinho mi disse di non andare via. Sulla rissa di Valencia…”

L’ex difensore nerazzurro ha ricordato il famoso cazzotto di Navarro passato alla storia

di Raffaele Caruso

Nicolas Burdisso, 139 presenze e 8 gol con la maglia nerazzurra, si è raccontato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ripercorrendo le tappe più importanti della sua carriera calcistica.

Mourinho e l’anno del Triplete –Mou ci provò in tutti i modi: ‘Non te ne andare, sarà il tuo anno’. E quando mesi dopo ci incrociammo a Roma dopo la finale di Coppa Italia, mi toccò il cuore: “Se anche lo sarà, non potremo parlare di anno perfetto perché sarai mancato tu”. Ma non ho mai avuto rimpianti, giuro, e il giorno della finale di Madrid, solo a casa mia a Buenos Aires, davanti alla tv ero sereno: mi sentivo metà tifoso dell’Inter e metà ancora parte di quella squadra. Ma lasciarla era stato necessario: lì, in quel momento, mi era quasi impossibile essere “normale”. Volevo dimostrare di essere un centrale, non un terzino, ma soprattutto dovevo ritrovare l’equilibrio che prima avevo sempre avuto, da quando me n’ero andato di casa a 13 anni”.

La rissa di Valencia – “La necessità di vivere quell’esperienza a 23 anni con la maturità di uno di 40, dover per forza relativizzare il calcio che fin lì mi aveva dato solo vittorie, mi lasciò dentro un sacco di cose inespresse, più che irrisolte. Me lo confermò uno psicologo: la rissa di Valencia fu una delle tante montagne russe su cui ero salito, grandi partite e grandi errori, gol ed espulsioni per falli clamorosi. Quando Marchena iniziò a prendermi in giro e a insultarmi con Joaquin, andandogli addosso tiravo fuori cose che avevo compresse dentro. Però se non fosse arrivato Navarro a darmi quel cazzotto vigliacco, sarebbe finita lì. Ma a Nyon, quando ci ritrovammo davanti alla Commissione disciplinare Uefa, si capì che anche lui aveva cose da metabolizzare: ammise di prendere farmaci perché aveva la mamma malata”.

LEGGI ANCHE – L’INTER NON E’ PIU’ ICARDI DIPENDENTE: NASCE LA COOPERATIVA NERAZZURRA DEL GOL

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

VIDEO – “120 milioni per il Real, 140 per il Barcellona”. Skriniar ascolta le parole di Spalletti e risponde così

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy