Condò, che bordata ad Icardi: “Non commento le sue bambinate. La squadra non pensi a lui, ma a giocare”

Condò, che bordata ad Icardi: “Non commento le sue bambinate. La squadra non pensi a lui, ma a giocare”

Continua il braccio di ferro tra l’Inter e l’attaccante argentino che non vuole tornare a giocare

di Raffaele Caruso

Paolo Condò, direttamente dagli studi di Sky Sport 24, ha attaccato duramente Mauro Icardi dopo la ferrea presa di posizione del centravanti argentino di non tornare a giocare per la squadra dopo la decisione della società che lo ha sollevato dall’incarico di capitano.

Ecco le sue parole: “Una situazione che ormai si è incarognita e per la quale fatico a trovare una via d’uscita. Quelle sui social, come il like a Cancelo, sono bambinate che arrivano da parte di chi dovrebbe essere grande professionista. E io non commento le bambinate. Icardi continua a essere più forte di Lautaro, è chiaro, ma non è quello il problema visto che Lautaro i gol li ha fatti in queste giornate in cui Maurito è mancato”.

La risposta del gruppo: “Nainggolan è quasi regolarmente il migliore in campo dopo essere stato un problema nei mesi passati. Spalletti sta riorganizzando la squadra attorno a queste semplici verità. La società, invece, deve cercare una sistemazione a questo caso perché certamente non può andare sul prossimo mercato con Icardi che vale 30 milioni perché ha smesso di giocare. La squadra meglio non pensi a Icardi: scenda in campo solo per giocare”.

UFFICIALE – Tegola Eintracht, Hütter perde un attaccante. A rischio anche la gara di ritorno

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy