Cordoba: “Icardi capitano acerbo, su Lautaro Martinez garantisce Milito. E Skriniar….”

Cordoba: “Icardi capitano acerbo, su Lautaro Martinez garantisce Milito. E Skriniar….”

L’ex difensore e poi dirigente dell’Inter fa il punto in vista del derby

di Redazione Passione Inter

A tutto Ivan Ramiro Cordoba. Tra passato, presente e futuro dell’Inter, l’ex difensore e dirigente nerazzurro si confida in un’interessante intervista concessa al portale Calciomercato.com con vista sul derby di domenica sera.

È sempre il derby della Madonnina o i cinesi lo hanno riformato?
“È sempre il derby e contro ci sono sempre Inter e Milan che se la giocano. La passione rimane intatta, tramandata proprio da quelle antiche sensazioni che solo una partita unica come il derby può far provare. Tutto va al di là delle proprietà straniere, che adesso avranno bisogno di un po’ di tempo per capire quale e quanta sia la passione dei tifosi, che qui vivono il calcio in modo diverso”.

Nella sua storia l’Inter è sempre partita per vincere lo scudetto, da un po’ di anni si comincia la stagione parlando di obiettivo Champions. Non era quello che si aspettavano i tifosi, per quanto ancora durerà?
“Mi ritrovo spesso a parlare di questa cosa e dico che a mio parere tutti quelli che giungono all’Inter devono farlo per arrivare al vertice. A prescindere dalle ricostruzioni e dai cambi di proprietà. Se giochi a calcio e arrivi all’Inter, devi farlo per vincere, altrimenti non ha senso. Questo è un club che ti offre la possibilità, se non di trionfare, almeno di lottare fino in fondo. Se poi al termine del campionato, dopo avercela messa tutta, non riesci ad arrivare primo, allora fai i complimenti agli altri. Ma devi comunque dare fastidio fino al fischio finale dell’ultima partita”.

Come mai l’Inter non riesce a dar fastidio alle prime due?
“Posso dire che quando sono arrivato tutti sapevano spiegarmi cosa fosse questa società. Parlavo con Moratti e con Javier (Zanetti, ndr) e ti spiegavano ogni cosa. Ma era sufficiente anche solo parlare con le persone che lavoravano in Pinetina per capire quanto vivessero sotto pelle la storia di questo club, con alcuni di loro si è creato un legame così forte e duraturo che ancora oggi persiste, dopo tanti anni. Per un calciatore è importante scegliere con attenzione le persone che ti stanno accanto, amici ma anche fidanzata o moglie, perché una scelta azzardata potrebbe influire negativamente sull’intera carriera. Tutte queste cose mi hanno sempre aiutato a giocare per l’Inter perché in questi anni l’ho respirata ovunque e alla fine è stato impossibile non sentirne addosso la responsabilità”.

Invece chi arriva adesso trova pochi esempi. Possiamo dire che Thohir ha avuto troppo fretta nell’allontanare chi – come lei – aveva tutte le carte in regola per spiegare cosa fosse l’Inter ai nuovi arrivi?
“Quando in un gruppo ci sono giocatori di un certo peso e con un certo carattere, quelli che arrivano contano fino a 100 prima di parlare, forse lo fanno se proprio chiamati in causa, altrimenti si limitano ad ascoltare stando attenti a tutto. Ai nostri tempi si ragionava così. Credo che poi ci sia stata una separazione troppo brusca tra l’Inter che è stata e quella che si apprestava ad essere, di punto in bianco nessuno ha più voluto il contributo di chi era li da tanto. I giocatori devono rendersi conto che è fondamentale non farsi disturbare da fattori esterni perché se qualcosa devia la loro attenzione non possono essere concentrati e di conseguenza allenarsi con la giusta intensità. Questo non deve esistere. La cosa principale deve rimanere la squadra”.

Seguendo questo discorso possiamo anche legarci a Icardi?
“Non può essere un problema uno che segna 25 gol a stagione, ma è importante capire cosa significa essere in questo club. Il resto non conta niente, tanto alla fine se non ottieni risultati ti cambiano perché l’Inter è nata per vincere. Oggi i giocatori sono più preoccupati dai follower che da quello che si fa in campo. Pensano che avere 400 milioni di seguaci possa bastare, ma non è così. Devi andare in campo e farti un mazzo tanto perché con i follower non si vince il campionato. È indispensabile che si ritorni all’essenziale, cioè al campo e alla voglia di allenarsi. A fine allenamento non è fondamentale prendere in mano il telefono per vedere quanti like hanno ricevuto alla foto pubblicata prima di entrare in campo. Tornando a Icardi, credo si potesse aspettare un po’ prima di dargli la fascia da capitano, in modo che potesse maturare meglio e crescere di più con il club. Se fosse diventato capitano dopo qualche anno avrebbe sicuramente avuto un peso diverso. Quando accadono queste cose, in qualsiasi squadra e in qualsiasi spogliatoio, non vengono percepite bene. Detto questo, lui è uno che si allena molto ed è un professionista, ma non basta”.

Come mai l’Inter cade in queste crisi?
“Ci sono giocatori di talento e con tutte le capacità per poter fare bene, potrebbero anche avere una mentalità vincente, ma in passato si sono persi. A cosa è dovuto? A tutto ciò che ci siamo detti prima. Credo che il mister stia cercando di recuperare la mentalità. Spesso sento parlare di giocatori in prestito, di alcuni che non sanno se rimangono o vanno via, ma quello c’entra e non c’entra perché a certi livelli devi dare tutto te stesso. Giochi a San Siro, sei all’Inter: divertiti! In Italia si respira calcio, cos’altro di meglio si può desiderare?”

Crede che Suning in futuro possa nuovamente affidarsi a qualche eroe del Triplete?
“Non so quali siano i loro progetti perché non ho lavorato con loro, ma posso parlare di Moratti e mi capita di pensare a tutte quelle volte in cui è stato criticato per avere un rapporto diretto con i giocatori. Però la verità è che quando andavi da lui per un colloquio ne uscivi rafforzato, con addosso una carica pazzesca: «Come faccio ad andare in campo e non giocare per un presidente così?», continuavo a ripetermelo. Era per quello che ti trasmetteva. Ricordo ancora quando un giorno, prima di un derby, mi ha preso da parte e mi ha detto: «Ivan, per guadagnarti la stima degli interisti non è necessaria la bella giocata, questa gente vuole solo che siate disposti a dare l’anima, che lottiate per l’Inter. Ivan, se sbagli un passaggio o una chiusura, credimi, non è un problema, tu devi solo dare l’anima per loro». Da quel momento ho capito tutto”.

Tornerebbe all’Inter?
“Fino a poco tempo fa avrei dato la vita per tornarci, ci speravo tanto e se sono rimasto in Italia era proprio perché avevo quel pensiero fisso. Adesso devo dare la priorità ai miei progetti e alla mia famiglia…”

Il Gattuso allenatore è quello che vedeva in campo?
“A dire la verità io non guardo il Milan, ma dai risultati e da quello che mi dicono, sembra proprio che abbia fatto ritrovare compattezza ai suoi ragazzi. Ho conosciuto Gattuso fuori dal campo ed è uno che  trasmette il suo carattere. Ha come unico obiettivo il risultato e tutti gli vanno dietro”.

Qual è stato il suo derby speciale?
“Penso al 4-3 dove abbiamo rischiato di pareggiare, ma anche all’ultima stracittadina. Ho finito la carriera giocando un derby e il mister mi ha messo dentro in un momento non troppo tranquillo per la squadra, ma abbiamo vinto 4-2 ed è stato bellissimo. Ho sognato fin da bambino un addio così, ho sempre pensato che avrei voluto lasciare da giocatore e non da ex giocatore. Ci avrei messo la firma”.

Lei è stato un gran difensore e per questo motivo la domanda sorge spontanea: cosa pensa di Skriniar?
“Parliamo di un giocatore molto giovane e questa è la cosa più importante. A questo va aggiunto che non gli manca la personalità e che ha già dimostrato di essere pronto per l’Inter. Spero che la società se lo tenga stretto e che lui voglia rimanere a lungo in nerazzurro per togliersi molte soddisfazioni con questa maglia. Sarebbe bello”.

Conosce Lautaro Martinez?
“Non lo conosco benissimo, ma per lui si è espresso Milito e per me questa è già una garanzia”.

Nei tanti derby che ha giocato, c’è un gol che non si toglie più dalla testa?
“Il 3-2 di Adriano nel derby del 2005-2006, veniva da un momento difficile. Una liberazione pazzesca anche perché per lui ho un grande affetto e abbiamo cercato in tutti i modi di stargli vicino ma a volte il destino devi prenderlo per come ti viene. Abbiamo festeggiato molto quel gol. Adriano poteva diventare il più forte del mondo, aveva tutto. Se proprio vogliamo trovargli un difetto possiamo dire che non usava molto il destro, ma tanto non gli serviva. Faceva tutto con il sinistro, la testa e il corpo”.

Il compagno di squadra più forte mai avuto?
“Ronaldo. Calciatori così nascono una volta ogni cento anni. Ma ci tengo a dire che mi sento molto orgoglioso di aver giocato con Javier Zanetti, che nel frattempo è diventato molto più di un compagno di squadra, e con Roberto Baggio. Ricordo che da ragazzo lo guardavo ai Mondiali del ’94, era un’icona, era “il codino”, e io ci giocavo insieme qualche anno dopo”.

Tutte le news sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

Cordoba e i dubbi su Icardi capitano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy