Cordoba: “Per l’Inter la Champions deve essere la normalità. Sheva l’avversario più forte mai affrontato”

Cordoba: “Per l’Inter la Champions deve essere la normalità. Sheva l’avversario più forte mai affrontato”

L’ex difensore nerazzurro ha parlato della stagione della squadra di Spalletti e del suo passato da calciatore

di Donato Cerullo, @donatocerullo

Ivan Ramiro Cordoba, ex difensore dell’Inter, è stato ospite ai microfoni di Radio 105 per parlare della stagione della squadra di Luciano Spalletti, conclusasi con il ritorno in Champions League dopo sei stagioni.

MORATTI“Una persona come lui è indimenticabile, ha segnato la nostra storia nel senso che è il nostro presidente di sempre”.

CHAMPIONS“Diciamo che l’Inter deve essere abituata a lottare per queste cose importanti. Per i nerazzurri dovrebbe essere la normalità giocare in Champions, ma sappiamo che si arriva da un momento traumatico, tra tanti cambiamenti anche di proprietà. Ma ora c’è una base dalla quale ripartire, quindi siamo fiduciosi per ciò che arriverà”.

LA SITUAZIONE DELLE MILANESI“Quando parli di squadre come Inter e Milan fuori dall’Italia tutti chiedono il perché di questa situazione, del perché entrambe sono mancate così”.

AVVERSARIO PIU’ FORTE“Il più forte come tecnica ed estro è stato Ronaldo, ogni allenamento andavamo in campo per vedere cosa si inventava col pallone. Se non le faceva lui, certe giocate non esistevano; era pazzesco, col pallone era unico. Ma un giocatore non si può definire forte solo per le caratteristiche tecniche; il giocatore si valuta sotto altri aspetti, e Javier Zanetti ha tutti questi aspetti come la costanza, il rendimento, la professionalità, i tanti anni ad altissimo livello. Lui è un fenomeno come Paolo Maldini, hanno avuto una professionalità pazzesca. Per stare tanti anni in una stessa società devi volerlo e devi avere la testa. L’avversario più forte è stato Andrij Shevchenko, con lui ho giocato tantissime volte in una epoca dove in Serie A c’erano attaccanti pazzeschi come lui, Gabriel Batistuta, Filippo Inzaghi che era fastidioso da marcare perché sempre al limite, appena toccato andava a terra ma faceva parte del suo stile”.

LEGGI ANCHE – INTER SCATENATA: ARRIVA NICO GONZALEZ! ECCO LE CIFRE DELL’AFFARE

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

HANDANOVIC DA TRASFERTA: LE SUPER PARATE DELLO SLOVENO LONTANO DA SAN SIRO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy