CorSera – Inter e Milan consegneranno il dossier sul nuovo stadio ad inizio maggio: si va per la demolizione di San Siro

CorSera – Inter e Milan consegneranno il dossier sul nuovo stadio ad inizio maggio: si va per la demolizione di San Siro

I due club non sono disposti a fare passi indietro

di Antonio Siragusano

Nonostante il malcontento popolare sia dalla parte della tifoseria nerazzurra, che di quella rossonera, la strada per la costruzione del nuovo stadio procede spedita in casa di Inter e Milan. Il progetto è ormai in cantiere da tempo e dev’essere solo consegnato al Comune di Milano e sottoposto al parere del sindaco Sala. Non verrà presentato un plastico su come sarà il nuovo stadio, bensì – nell’incontro fissato per inizio maggio voluto soprattutto dalla dirigenza milanista – verrà illustrato un report su ciò che sarà della nuova area di San Siro. Rimane fissa l’idea di demolire il G. Meazza per costruire un nuovissimo impianto nell’attuale area parcheggi, figlio di uno studio dei migliori designer di livello internazionale.

Come riportato questa mattina sulla pagine del Corriere della Sera, dal momento in cui arriverà il via libera e tutti i permessi saranno stati concessi, la costruzione dell’area avverrà in 3 fasi. La prima riguarderà la costruzione vera e propria del nuovo stadio che occuperà circa 3 anni, durante i quali le due squadre continueranno a giocare a San Siro. Il nuovo stadio avrà con ogni probabilità una capienza di 55-60 mila spettatori. Terminata la costruzione Inter e Milan si sposteranno nella nuova casa. A quel avrà inizio la seconda fase che riguarderà la demolizione del Meazza, la quale dovrebbe essere eseguita nel giro di sei mesi.

Una volta finiti i lavori di demolizione, ecco che partirà la terza ed ultima fase: la costruzione di un parco, alberghi, aree commerciali e parcheggi. Per terminare i lavori dell’area serviranno dunque altri due anni e mezzo: in totale, dal momento della posa della prima pietra fino alla consegna dell’ultimo progetto passeranno più o meno sei anni. Ricordiamo che sarà prima necessario l’ok del sindaco al progetto. E soprattutto, bisognerà capire che tipo di ‘contropartita le società’ metteranno sul piatto per l’abbattimento di San Siro, che è un bene a bilancio del Comune e va compensato.

Dalla Spagna – Godin, tutto fatto con l’Inter: spunta l’opzione Jiangsu Suning. E Modric…

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy