Roma-Inter, di de Boer: “Mai più come a Praga. E quella foto di Brozovic…”

Roma-Inter, di de Boer: “Mai più come a Praga. E quella foto di Brozovic…”

Il tecnico nerazzurro incontra la stampa alla vigilia del big match di campionato contro i giallorossi

convocati de boer

Come due settimane fa, la storia si ripete. Dopo il brutto ko in Europa League contro lo Sparta Praga, il calendario impone all’Inter un altro big match. Con la Juventus arrivò il riscatto dopo la sconfitta casalinga con l’Hapoel Be’er Sheva, contro la Roma, domani all”Olimpico’, i nerazzurri sperano di ripartire e cancellare le nubi europee. Alla vigilia della gara, il tecnico Frank de Boer interviene in conferenza stampa per presentare l’incontro e fare il punto sulle ultime in casa interista. Passioneinter.com raccoglierà in diretta per voi le dichiarazioni dell’allenatore.

De Boer interviene prima ai microfoni di Inter Channel: “Vogliamo vedere sempre un’Inter che lotta per il primo posto, in coppa ed in campionato, così come la Roma. Per me sarà un bene per tutto il campionato. Cancellate le amarezze dell’Europa League? Sì, dobbiamo farlo. Possiamo ripartire rapidamente e possiamo fare un buon risultato con la Roma”.

INIZIA LA CONFERENZA

PARTENZE A HANDICAP“Ne abbiamo parlato perché non voglio vedere un atteggiamento come quello con cui abbiamo affrontato il Praga. Per me era solo una questione di atteggiamento, come detto, perché siamo preparati per affrontare ogni squadra. La partita non inizia quando l’arbitro fischia, bisogna pensarci almeno un giorno prima perché bisogna immaginare la gara e quando iniziamo a pensare alla partita solo al fischio dell’arbitro è tardi. Questa cosa deve cambiare. Contro la Roma è più semplice avere un giusto atteggiamento perché è una grande partita. Ma voglio vedere una squadra non solo contro i grandi avversari, ma contro ogni squadra”.

REPLICARE LA SFIDA CON LA JUVE “Possiamo farlo. Tutti i miei giocatori sono pronti ed è un lusso per me”.

ROMA“E’ una squadra fortissima, in tutte le parti del campo ha giocatori con grandi qualità e per me è un’ottima formazione. Sarà una partita molto difficile perché hanno molti calciatori che possono fare la differenza in ogni momento”.

TOTTI“Per me è un grande giocatore e può far gol sempre dal niente. E’ molto difficile da marcare perché ha tanta esperienza. Credo che quando Totti entra, cambia sempre il gioco della Roma”.

JOAO MARIO, BROZOVIC E KONDOGBIA“Stanno tutti bene. Si è allenato molto ben Joao Mario e e anche Brozovic. Però abbiamo tanti giocatori pronti per essere convocati e devo escludere qualcuno”.

STAMPA “Non ho problemi, è sempre lo stesso. Quando facciamo una buona partita ci danno una mano, quando va male sempre ci criticano. Per me non è un problema. Stiamo costruendo un progetto e c’è bisogno di tempo. Stiamo andando nella direzione giusta, per me ci sono partite come quelle di Praga che non sono giuste, però in allenamento ho visto che abbiamo fatto un passo avanti”.

IN RISPOSTA ALL’INVIATO DI PASSIONEINTER.COM “Ansaldi? In campo 90 minuti sarà difficile perché non ha giocato nessuna partita. Però è pronto per giocare e sarà convocato per domani”.

CHI RISCHIA DI PIU’?“Credo che le due squadre vogliano vincere ogni partita, sia in coppa che in campionato. Per me sono due squadre con molte qualità, è solo una questione di tempo per vederle ad un buon livello. La Roma è una formazione che può vincere contro chiunque”.

MORATTI – “E’ la prima volta che sento che può tornare presidente. Non mi interessa perché sto preparando una partita molto importante. Quando ci sarà qualcosa di concreto ne parleremo, ora non mi serve, devo restare concentrato sulla partita di domani”.

BROZOVIC CASO SOCIAL“Tutti i giocatori devono capire che i social media sono molto importanti, ma allo stesso tempo molto pericolosi. Per me deve capire quando vanno usati ed in quel momento non era giusto usare queste immagini.  Vale per tutti i giocatori. Per esempio ho visto un giocatore dell’Ajax fare uno Snapchat all’intervallo. Come puoi pensare una cosa così? Non è da professionisti”.

DIFFERENZE TITOLARI-RISERVE“Vogliamo vincere tutte le partite, però in alcuni momenti devo scegliere quali sono per me i migliori giocatori. Questo è un sentimento che devo avere io quando vedo i giocatori in allenamento tutti i giorni. Io sento che in questo momento i miei giocatori non sono pronti per giocare ogni tre giocatori. Quando c’è troppa pressione ravvicinata poi possono arrivare gli infortuni. Come Joao Mario, che dal nulla ha avuto un infortunio. E’ arrivato da un’altra squadra e cambiato allenatore. Dal prossimo anno, da gennaio, tutti potranno giocare ogni tre giorni”.

TERMINATA LA CONFERENZA

GABIGOL UBRIACA I COMPAGNI IN ALLENAMENTO

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy