De Paola: “Icardi? Mi sembra di vedere una coalizione tra allenatore e società contro Wanda”

De Paola: “Icardi? Mi sembra di vedere una coalizione tra allenatore e società contro Wanda”

Il commento del giornalista riprende quanto di non positivo proposto dal capitano nerazzurro nelle ultime uscite dell’Inter

di Paolo Messina

L’Inter ha finalmente rialzato la testa e messo a referto la prima vittoria in campionato nel nuovo anno. Il 2019 inizia da Parma, con un mese di ritardo. Lasciandosi alle spalle i passi falsi, la squadra può sviluppare il proseguo stagionale partendo da quanto di buono è stato visto al “Tardini”. Spalletti ha potuto tirare un sospiro di sollievo e i nerazzurri non hanno aumentato la pressione delle inseguitrici in ottica Champions League. Tra le tante note positive, in Parma-Inter, è anche emersa la prestazione non eccelsa di Mauro Icardi. Il giocatore, tra campo e vicende contrattuali, non sta rendendo come i suoi soliti standard e i dubbi sul futuro aumentano. Lautaro Martinez scalpita e chiede a gran voco, ma anche giustamente, uno spazio continuo tra i titolari. All’Inter serve un capitano a tutto servizio e la svolta deve arrivare nel più breve tempo possibile.

Ad analizzare la situazione del bomber argentino ci ha pensato Paolo De Paola a RMC Sport. Queste le parole del collega alla radio di cui è direttore: “C’è una vicenda Icardi grossa come una casa. Ora Spalletti, rinforzato dalla società, esce allo scoperto con questa dichiarazione su Icardi. Il calcio, come la vita, è una situazione di giochi di forza. Quando sei più forte puoi dire certe cose. Con Icardi è una situazione delicata. Mi sembra di vedere una coalizione tra allenatore e società contro Wandina Nara. Alla società non piace più questo apparire troppo di Wanda“. 

LEGGI ANCHE – > Nainggolan celebrato dalla Uefa: tra i migliori 4 performer della settimana

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy