Icardi, parla l’amico: “Alla play sceglieva sempre l’Inter e Batistuta era il suo idolo. Gli piaceva tingersi di biondo”

Icardi, parla l’amico: “Alla play sceglieva sempre l’Inter e Batistuta era il suo idolo. Gli piaceva tingersi di biondo”

Sebas, ex compagno del capitano nerazzurro, ha raccontato diversi aneddoti

di Antonio Siragusano

Nello speciale dedicato a Mauro Icardi, pubblicato quest’oggi dal settimanale Sportweek – de La Gazzetta dello Sport – è stato intervistato il grande amico ed ex compagno di squadra delle giovanili dell’argentino, Sebas. Ecco le parole colme d’affetto, spese nei confronti del centravanti e capitano nerazzurro dell’Inter.

L’INCONTRO – “Quando io e Mauro ci siamo incontrati per la prima volta, ancora prima di presentarmi, gli ho detto: ‘Tu sai giocare a calcio’. Lui mi ha risposto in maniera molto tranquilla. Poi, oltre che nella stessa squadra, siamo finiti nella stessa classe. Ricordo di averlo invitato subito a casa mia. Abbiamo giocato a calcio, poi con la ‘play’ e da quel momento non ci siamo mai separati. Andavamo insieme dal barbiere: stesso taglio e stessa tinta, spesso bionda. Prima di ogni partita Mauro si fermava a dormire da me: era una sorta di rito”.

FORTE LEGAME – “E la nostra amicizia si vedeva anche quando giocavamo. Io ero un centrocampista offensivo e lui mi cercava sempre perché sapeva che potevo metterlo nelle condizioni di segnare. La scorsa estate, senza che mi dicesse nulla, me lo sono trovato in casa. Quando torna sull’isola, non devo mai andare a cercarlo o scrivergli: la prima cosa che fa è venire a trovarmi”.

IL SOGNO: INTER E BATISTUTA – “E’ incredibile perché quando eravamo piccoli e passavamo le nostre giornate giocando con la PlayStation Mauro sceglieva sempre l’Inter. Ora ne è il capitano. L’Argentina? Appena arrivato qua, non faceva altro che parlare di Argentina: raccontava di come fosse la vita laggiù, ma soprattutto del calcio e di Batistuta, il suo idolo. In ogni partita si vedeva che era differente. A Tenerife abbiamo partecipato a un torneo con squadre come Siviglia e Porto. E abbiamo vinto noi, una squadretta. Abbiamo vinto grazie a Mauro, che ha segnato in ogni partita. Contro l’Espanyol fece un gol dopo aver scartato cinque giocatori, mentre in finale mise la palla in rete con un pallonetto da fuori area. In tribuna c’erano gli osservatori del Barcellona… Ai tempi della Sampdoria era la prima volta che lo vedevo giocare dal vivo da professionista e lui fece quattro reti. Tutti i tifosi cantavano il suo nome: lo vedevo segnare e pensavo a quando da piccoli giocavamo insieme. Se è arrivato dove è ora, significa che crescere qua, a Vecindario, in questa isola, a qualcosa è servito”.

LEGGI ANCHE –> ATALANTA-INTER, LE PROBABILI FORMAZIONI – DUBBIO CANDREVA: KARAMOH DAL 1′?

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

PERISIC, QUANTI GOL D’AUTORE! ECCO LA TOP10 DELLE RETI DEL CROATO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy