Icardi, saranno 3 mesi di fuoco: l’argentino a partire dal derby dovrà riprendersi Inter e Mondiale

Icardi, saranno 3 mesi di fuoco: l’argentino a partire dal derby dovrà riprendersi Inter e Mondiale

Le tappe del futuro di Mauro Icardi sono ben chiare: nei prossimi 90 giorni si giocherà buona parte delle sue carte!

di Marco Accarino, @AccarinoMarco

Sembra essere passata un’eternità dal derby di andata, giocato il 15 ottobre a San Siro. In quella serata fu Mauro Icardi il grande protagonista della partita con tre gol d’autore che mandarono il Milan all’inferno e l’Inter in paradiso. Eppure, calendario alla mano, è passato solamente qualche mese. Quantificate voi quanti giorni separano esattamente quel derby da quello di domenica prossima, perché il punto focale è decisamente un altro: negli ultimi mesi il destino ha stravolto quelle che furono le sentenze di quella partita. Ora è l’Inter che si trova in difficoltà ed è il Milan che ha ripreso a correre a ritmi decisamente importanti.

L’Inter ritrova Icardi, l’argentino ritroverà se stesso?

 

Spalletti, ad oggi, pare abbia solo due motivi per accennare un timido sorriso: il primo è perché l’Inter viene da una vittoria (seppur soffertissima) contro il Benevento, il secondo è perché finalmente potrà riabbracciare un Icardi che sarà, si spera, al massimo della sua forma. E’ vero: l’argentino ha dovuto smaltire un infortunio. Ma senza dubbio l’essere rimasto per un po’ di tempo fuori dalle critiche riservate alle sue prestazioni messe in campo non potrà che avergli fatto bene. Ora viene il difficile. Anzi, ora viene il bello, per chi come lui ha l’ambizione di entrare nell’Olimpo del calcio. A partire dal derby di domenica sera per Icardi si apre un percorso lungo 90 giorni in cui dovrà recuperare la fiducia un po’ di tutti: in primis quella dei propri tifosi, che certamente non avranno ben digerito le ultime controversie extra-calcistiche. Poi quella di Sampaoli, CT dell’Argentina che lo ha escluso dalla lista dei convocati per le prossime imminenti amichevoli della Nazionale. Il capitano dell’Inter per centrare il suoi obiettivi dovrà necessariamente ritrovare se stesso e per farlo, anche psicologicamente, una prestazione maiuscola contro i cugini, sotto gli occhi di tutto il mondo, non potrà che aiutarlo. Anche perché il prosieguo della stagione della sua Inter verrà inevitabilmente influenzato da quello che sarà il risultato e non è detto che anche questa volta il destino sarà clemente con chi uscirà dal campo sconfitto. Champions League, Inter e Mondiale: Icardi faccia l’Icardi, poi sarà un dolce destino quello che andrà a bussare alla sua porta…

Leggi anche–> Evans Kondogbia: “Era meglio firmare per il Milan! L’Inter per noi…”

Tutte le news sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

Cordoba e i dubbi su Icardi capitano: “Conta più il campo dei social. Lui invece…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy