Icardi: “Ecco la verità su Wanda e Maxi. Giudicatemi solo per i miei gol”

Icardi: “Ecco la verità su Wanda e Maxi. Giudicatemi solo per i miei gol”

L’attaccante e capitano dell’Inter parla della sua vita privata e dell’esclusione dalla lista di convocati per le Olimpiadi

icardi zanetti

Intervenuto durante la trasmissione ‘90 Minutos‘ su Fox Sports, Mauro Icardi, attaccante e capitano dell’Inter, ha parlato di alcuni aspetti della sua vita privata, del suo momento all’Inter e dell’esclusione dalla lista dei convocati per le prossime Olimpiadi.

OLIMPIADI – “Mi ha sorpreso il fatto di trovarmi tra i candidati alle Olimpiadi. Il mio lavoro è fare gol e io li faccio, l’anno scorso sono stato capocannoniere in Serie A e sono felice del mio attuale rendimento con l’Inter. Se poi arrivasse una convocazione in Selección la prenderei con orgoglio: sarebbe il massimo per qualsiasi giocatore argentino“.

WANDA – “È la prima volta che parlo dopo tre anni e mezzo e voglio mettere in chiaro alcune cose. Capisco il boom mediatico per il mio matrimonio con Wanda, ma non bisogna valutare le questioni extra-calcistiche. In Italia si parla di me solo per le cose che faccio in campo. Credo a Martino quando dice che ho le stesse possibilità degli altri giocatori. Io devo parlare in campo e con i gol: questo è ciò che deve essere considerato da un ct“.

MARTINO – “Martino l’ho visto sono in occasione del Partido por la Paz organizzata a Roma da Zanetti, ci siamo salutati e basta, ma non avrei problemi a parlare con lui. L’Argentina oggi ha tanti grandi attaccanti, conosco Dybala perché è un mio avversario: è un grande giocatore, ma come ho detto prima, io l’anno scorso sono stato il massimo goleador del campionato e voglio essere giudicato solo per questo“.

MAXI LOPEZ – “Ovviamente in Argentina nessuno mi conosce perché sono andato via presto. Ma lì si parla gratis di tutto, nessuno sa quello che è successo tra me, Wanda e Maxi Lopez. Di Maxi si dice che era il mio miglior amico: non è vero. Era un compagno come altri alla Samp. Parlavamo di più come accade per i giocatori argentini. Sono passati tre anni, tre anni e mezzo, ma se ne parla solo in Argentina. Io e Wanda in Italia siamo una coppia consolidata, una famiglia insieme ai bambini“.

DIFFERENZE ITALIA-ARGENTINA – “L’altro giorno parlavamo con Zanetti, mi diceva che lui è diventato capitano tre-quattro anni più anni tardi rispetto a me. In Italia sono felici per la mia personalità, dentro e fuori dal campo. Se parlate con i dirigenti dell’Inter e con chi mi conosce, hanno un’immagine di me che in Argentina non hanno, perché si sente solo quello che si vuole sentire e si commenta solo quello che si vuole commentare. All’Inter i dirigenti e tutti mi domandano come faccio a non essere convocato nell’Argentina. ‘Chiedetelo in Argentina’, dico io. Come mi vede in campo Wanda? Mi critica quando gioco male e sbaglio i gol, quando ne segno due invece mi dice che ne avrei potuto fare tre. Però in generale quando faccio bene me lo dice. Lei è sempre al mio fianco“.

SPOGLIATOIO – “Ho ottimi rapporti con tutto lo spogliatoio. All’Inter ci sono altri argentini come Palacio, Carrizo e gli altri sudamericani come Murillo, Miranda, Felipe Melo, tutti giocatori di alto livello. Si scherza e tutto va bene, però quando è il momento di giocare si va tutti nella stessa direzione“.

MESSI – “Dopo il Barça siamo stati insieme a un evento di una marca d’abbigliamento, poi non abbiamo avuto più contatti”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy