INTER FEMMINILE – Game over a Como: nerazzurre sconfitte 2 a 1, si salva solo Regazzoli. L’Orobica ipoteca il primo posto

INTER FEMMINILE – Game over a Como: nerazzurre sconfitte 2 a 1, si salva solo Regazzoli. L’Orobica ipoteca il primo posto

Le nerazzurre sono anche sfortunate: l’1 a 0 nasce da una papera di Cappelletti. Sull’1 a 1 viene annullato un gol a Marinelli e Regazzoli colpisce la traversa

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar

Game over? Forse. A Como l’Inter perde probabilmente le residue speranze di rimonta sulla prima in classifica, anche se questa sconfitta è figlia probabilmente dei precedenti passi falsi di questo 2018, che sembrano aver influito sulle certezze e sul morale di una squadra che rimane molto giovane. Per sperare ancora in un sorpasso, servirebbe ora un vero e proprio tracollo verticale della capolista Orobica. Contando anche la partita in più che deve giocare, servirebbero infatti almeno tre sconfitte delle bergamasche e nessun passo falso dell’Inter: davvero inverosimile questa ipotesi in questo momento, considerando il 4 a 0 con cui la capolista si è imposta sul campo della Fiammamonza.

FORMAZIONE (4-2-3-1): Cappelletti; Chiggio, Santi, Locatelli, Merlo; Brustia, Regazzoli; Marinelli, Rognoni; Baresi

LA PARTITA – Non è la solita Inter quella che è scesa in campo domenica. Il match inizia con le due squadre che inizialmente lottano soprattutto a centrocampo, con il Como che dimostra però più grinta e convinzione nell’andare a cercare i palloni. E’ incredibile il modo con cui le padroni di casa passano in vantaggio al 7′ minuto: sugli sviluppi di una rimessa laterale, Catelli anticipa Regazzoli in un contrasto sulla trequarti, con il pallone che rimbalza innoquo in area, Cappelletti però sbaglia completamente i tempi dell’uscita, ed il pallone finisce lentamente in porta.

Il Como acquista convinzione spinto dal sostegno dei suoi tifosi, e si rende nuovamente pericoloso portando diversi pallloni in area di rigore. Al 10′ le nerazzurre provano a tirare su la testa con Bonfantini che semina il panico sulla sinistra, si porta in area ma si fa parare il tiro. Al 18′ Alice Regazzoli sale in cattedra: prende palla sulla trequarti e lascia partire dai 20 metri un tiro imprendibile che si infila all’angolino, alla destra del portiere. Al 20′ Regazzoli mette un traversone sul quale si avventa Marinelli, che però arriva tardi di un soffio non riuscendo a deviare in rete da pochi passi. Al 22′ rigore per il Como: Cappelletti in uscita non riesce ad evitare il contatto Cascarano. La stessa Cappelletti però ipnotizza dal dischetto l’ex di turno Viganò, riscattandosi dal precedente errore. Cinque minuti più tardi un’ispiratissima Regazzoli carica un gran tiro da più dai 25 metri, il portiere avversario non trattiene e Marinelli da due passi insacca, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Dubbio: se c’era, lo era per millimetri, ma il guardalinee si trovava a pochi metri da dove è partita la numero 11. Incredibile la traversa che, neanche a dirlo, Regazzoli coglie al 37′: palla sulla destra, si accentra e con un tiro a giro da fuori area coglie il legno.

Nel secondo tempo non cambia l’atteggiamento agguerrito delle padroni di casa, che chiudono ogni spazio alle attaccanti nerazzurre. All’ottavo minuto traversa del Como: su un pallone alto Cappelletti riesce a deviare sul legno evitando un’altra beffa. La squadra di casa è ora padrona del campo e del gioco. Al 62′ la solita Regazzoli si gira in un fazzoletto di terreno al limite dell’area, il suo diagonale esce fuori davvero di un soffio. Al 36′ da una punizione battuta male scatta il contropiede comasco: Pini lancia in fascia Badiali raccoglie e pesca sulla sinistra tutta sola Roventi, che si invola verso il portiere e la fredda con un destro chirurgico che si infila nell’angolino alto. Roventi è la ragazza più giovane fra le fila avversarie, avendo appena 15 anni.

LA MIGLIORE – Partita con pochi guizzi per la Beneamata: Alice Regazzoli è una delle poche ad avere ancora la mente lucida ed a fare sempre la scelta giusta nel passaggio. In avanti poi gioca praticamente da sola contro la difesa avversaria. Il gol è da cineteca, la traversa gli nega il gol dell’anno. Ed è suo anche il tiro da cui nasce il gol annullato a Marinelli.

PROSSIMI IMPEGNI – Domenica prossima l’Inter affronta la Sassari Torres a Sedriano. L’Orobica ospita invece il fanalino di coda Caprera. Difficile sperare in un passo falso della capolista, ma rimane una partita da vincere per salvare perlomeno il secondo posto.

LA CLASSIFICA

(Foto dell’articolo dal sito ufficiale del FCF Como 2000)

LEGGI ANCHE – Volata Champions, milanesi contro romane: i derby potranno risultare decisivi

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

INTER FEMMINILE: BRUSTIA SEGNA, TRAMONTANA IMPAZZISCE!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy