Inter-Milan, è più di un semplice Derby: ecco cosa potrebbe esserci in palio!

Inter-Milan, è più di un semplice Derby: ecco cosa potrebbe esserci in palio!

Le due società nel corso delle due passate stagioni hanno ceduto la propria maggioranza a dei nuovi proprietari

Ci sarà ben altro che la semplice supremazia cittadina in palio nel Derby di domenica sera. Sia Inter che Milan, seppur per motivi diversi, guardano il futuro con un pizzico di preoccupazione. Il Corriere della Sera nella sua edizione online prova ad illustrare il motivo: “Chiusa questa settimana con la stracittadina, la prossima nei primissimi giorni si aprirà con lo svolgimento dell’ormai celeberrimo ed attesissimo Congresso del PCC. Questa estate infatti il Governo Cinese aveva imposto un totale blocco delle operazioni che avrebbero spostato milioni di euro in società calcistiche europee, mentre in questi giorni sembra che ci sia stato una piccola apertura allo scongelamento di queste situazioni che toccano da vicino le due formazioni milanesi, secondo quanto riportato da Reuters. Dal fronte cinese però giungono ugualmente voci di ‘un’irritazione’ della classe politica asiatica nei confronti della scelta di rappresentare la Milano calcistica con due proprietà cinesi: ecco perché – secondo quanto riporta il sito web italiano – si potrebbe pensare all’avallo di solo uno dei due progetti. Sicuramente in questo senso la solidità di Suning, sommata anche al grande impegno della società di Mr.Zhang in Patria, potrebbe rappresentare un progetto da ritenersi favorito sulla Rossoneri Sport Investment di Yonghong Li, che già in passato sembra non aver convinto a pieno i vertici politici cinesi”. 

Inter e Milan dunque si giocano una fetta importante del proprio futuro a partire proprio dal week-end, con la speranza che, alla fine, Milano possa tornare a dominare la scena continentale come qualche lustro fa.

CON SABRINA HAMMAMI IL DERBY DIVENTA…PIU’ CHE HOT!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy