Jonathan: “Vi spiego i motivi del mio addio all’Inter. Il problema ora sono i troppi stranieri”

Jonathan: “Vi spiego i motivi del mio addio all’Inter. Il problema ora sono i troppi stranieri”

L’ex difensore nerazzurro ha parlato del suo passato a Milano e dei motivi che l’hanno portato a lasciare l’Inter

L’ex difensore dell’Inter, Jonathan Cicero Moreira, è intervenuto, ai microfoni di TMW Radio, per parlare della sua avventura col Fluminense ricordando anche i momenti con la maglia nerazzurra. Proprio a proposito dell’Inter, Jonathan ha svelato i motivo che ne hanno causato l’addio ed ha analizzato il momento attuale della squadra.

INTER – “Il mancato prolungamento. Non mi sarei mai aspettato di restare fermo così tanto dopo il mio infortunio. Stavamo parlando del rinnovo di contratto, i dottori mi dicevano che non avevo nulla di grave, ma avevo sempre tanto dolore. L’operazione è arrivata in ritardo, e questo si è rivelato un grande problema per me. Mi sono giocato la chance di restare all’Inter o di andare altrove. C’erano società che mi volevano, ma poi hanno mollato proprio per il mio infortunio. Ma ormai tutto questo fa parte del passato, non piango più. Detto questo, l’Inter ha fatto tanto per me. Ho ancora tanti amici a Milano. Di recente ho sentito Ausilio, gli ho detto che mi piacerebbe tornare in futuro“.

LA MAGIA DEL DIVINO JONATHAN A PINZOLO

STRANIERI – “L’Inter attuale avrebbe avuto bisogno di più tempo per lavorare. Inoltre ci sono troppi stranieri e pochissimi italiani. Questo è un problema, ed era lo stesso quando c’ero io. Bisognerebbe essere sempre uniti, non per forza amici, ma uniti certamente. Il resto funziona, la società, la dirigenza e i vari staff, ma la squadra no. Proprio per il numero elevato di stranieri“.

SOGNO – “Non ne ho uno in particolare, voglio solo stare bene fisicamente. Chiedo solo questo a Dio: non voglio più subire infortuni gravi“.

RIGUARDA LE IMMAGINI DI INTER-FIORENTINA 4-2

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy