Four Four Two, la stroncatura a Kovacic: “Il giocatore più inutile della Premier”. Ausilio e Marotta prendono appunti?

Four Four Two, la stroncatura a Kovacic: “Il giocatore più inutile della Premier”. Ausilio e Marotta prendono appunti?

Il croato è dato come pista interessante per un eventuale ritorno in nerazzurro

di Lorenzo Della Savia, @loredstweet

Un giocatore inutile. Anzi. Il giocatore più inutile della Premier League. La stroncatura arriva direttamente dall’Inghilterra – più di preciso dal settimanale Four Four Two – ed è tutta dedicata a Mateo Kovacic, centrocampista in forza al Chelsea e che nei giorni scorsi era dato anche dalla stampa italiana come sogno proibito di Piero Ausilio sul mercato, per quello che sarebbe un ritorno nel club che lo prelevò dalla Dinamo Zagabria nel 2013: e per questo basta aspettare e vedere.

Intanto: un giocatore inutile, si diceva. A sostenerlo – ripetiamo – è la succitata rivista anglosassone, che per farlo però si giova unicamente dell’ausilio delle statistiche del giocatore relative all’ultimo trimestre. Che portano ad una conclusione: Kovacic è sì sostanzialmente il giocatore più inutile del campionato inglese, ma – come sottolinea sempre Four For Two – non è il peggiore. Che vuol dire? Questo (e per capirlo bisogna prendere in considerazione gli stessi dati di cui ha usufruito l’articolista): che Mateo Kovacic ha una percentuale di passaggi riusciti eccellente (92,3%), e in tale ambito è il secondo miglior giocatore della Premier preceduto solo da John Stones: il problema, però, è che la micidiale precisione nei passaggi pare troppo sbilanciata a sfavore della concretezza. In altre parole, i passaggi Kovacic li fa (quasi) tutti giusti, ma poi?

I numeri di questa stagione dicono che il centrocampista croato, all’attivo, ha solo due assist, e che per 27 mesi non ha segnato né col club né con la Nazionale. Carenze – queste – che consentono al Chelsea di sfruttare meno di quanto sperato il proprio potenziale offensivo, che per ricevere palloni da gol deve affidarsi su altri: Barkley, ad esempio, o Loftus-Cheek. Kovacic è decisamente un passo indietro. Questione tattica? Forse, perché il 4-3-3 di Sarri potrebbe non andare a genio al croato, che preferisce probabilmente un 4-2-3-1. Tuttavia, come avanzato da Four Four Two, potrebbe anche essere questione di mentalità, di attitudine insomma. E Marotta e Ausilio, a questo punto, prenderanno appunti.

Sky – L’Inter a Frosinone con la certezza della difesa, resta il ballottaggio Icardi-Latutaro: ecco chi è favorito

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy