Lazio-Inter, parola a Sosa:”Mi piace Icardi, la partita finirà con una…”

Lazio-Inter, parola a Sosa:”Mi piace Icardi, la partita finirà con una…”

Commenta per primo!

Stasera andrà in scena all’Olimpico di Roma Lazio-Inter ed è Ruben Sosa a presentarcela in quanto ex di entrambe le squadre. Sosa si trova temporaneamente in Italia dopo aver partecipato al Match for Expo in onore a Javier Zanetti ed, ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’ esordisce raccontando un divertente particolare legato a quella serata e che non sarà sfuggito ai più attenti osservatori:“Eccolo, ora ce l’ho in tasca [il cellulare, ndr]. L’ho anche rotto, guardi il vetro, mi tocca cambiarlo?Che serata quella per il ritiro della maglia di Zanetti. Ero talmente deciso a non perdermi nemmeno un secondo di quella nottata con vecchi amici e grandi campioni che appena sono entrato in campo ho pensato subito una cosa: perché non portarmi il cellulare? E l’ho messo lì, nelle mutande, poi l’ho tenuto in mano, poi l’ho rimesso lì, alla lunga mi è caduto e si è rotto il vetro. Però guardi: ho fatto dei video strepitosi” ride Sosa.

“L’Inter è la squadra del cuore, è aver fatto tanti gol, è sentimento ? continua Sosa ?. Ed è il club col quale vorrei lavorare in futuro, che sia per Inter Forever o per la mia scuola calcio a Montevideo con 500 bambini. In Uruguay alleno solo gli attaccanti del Nacional. Quindi Recoba: ancora grandissimo El Chino. Grandissimo. Corre meno ma quel piede fa ancora ciò che vuole”.

Poi Sosa ripercorre il suo arrivo in Italia ma soprattutto l’inizio della sua storia con l’Inter:“La Lazio è la squadra che mi ha portato in Italia, proverò sempre riconoscenza: 3 anni super, tanti amici. Nei primi tempi, quando arrivai in nerazzurro, non giocavo mai. E i giornalisti, proprio fra queste mura della Pinetina, mi chiedevano: ?Ruben, ma allora quando giochi??. Io stavo in panchina e tifavo. E a mister Bagnoli dicevo: ?Quando ha bisogno di gol io ci sono eh??. Poi, la squadra cominciò a perdere e io cominciai a giocare. Lo sa come arrivai qui? Dunque: la moglie di Pellegrini faceva la perizia calligrafica e un giorno mi fece fare un autografo apposta per poi studiarlo. Se lei diceva di no, il presidente difficilmente ti faceva un contratto. Ecco: la mia calligrafia venne reputata completamente negativa, secondo la signora Pellegrini evidenziava scarsa voglia di fare tutto, anche di giocare a calcio. Così, vado da Pellegrini col mio procuratore, Paco Casal. L’allora presidente mi dice: ?E adesso, che si fa qui? Sono troppi i soldi che mi chiedete?. Dopo due ore di trattativa mi viene il colpo di genio. Presidente, gli dico, io firmo in bianco: se faccio 20 gol mi dà quel che vorrei io, sennò mette la cifra lei. Ho fatto 24 gol“.

IcardiMi piace Mauro. Un bel centravanti che sa lavorare anche per la squadra ma a cui la squadra forse dovrebbe servire più palloni. Però, secondo me, dovrebbe esultare con più gioia. Il calcio è allegria, sempre. Lui mi ricorda un po’ Bergkamp che quando segnava non impazziva: perché? Le vedo sempre le partite a Montevideo ? aggiunge Sosa ?. Sempre. Mancini è bravissimo e ci sono giocatori che sanno essere determinanti, ma l’impressione è che ognuno pare che aspetti la scintilla di altri, ovvero che qualche altro compagno risolva la partita. Invece bisogna creare la scintilla di gruppo: ecco cosa serve. E a volte è successo, sia chiaro, ma non bisogna solo attendere il salvatore della patria”. Chi sarebbe il deputato alla magia, viene chiesto a Ruben Sosa:Shaqiri è il più indicato. Ma tutti devono lavorare con lui. Questa è una squadra che ha valori importanti e credo non tarderà a entrare nel cuore dei tifosi. Mancini ha saputo entrarci, e nell’Inter ci entri solo se metti il’ cuore. L’Inter faceva paura. Bisogna replicare quel sentimento.Quando giocavo nella Lazio il solo pensiero di dover affrontare l’Inter metteva paura. Pareggiare contro di loro era come vincere. Ecco: l’Inter deve riprendere a intimorire, è basilare. Come si torna a questo tipo di Inter? Credendo nella maglia che indossi e nei tuoi compagni. Ogni secondo. Uruguaiani da consigliare al calcio italiano? Cavani: lui stava bene in Italia? penso tornerà”.

Infine, a Ruben Sosa viene chiesto un pronostico sul match di stasera tra Lazio e Inter:“Sono appena stato a vedere sul campo l’allenamento: se hanno questa carica finisce 3-0La squadra deve vedere questa gara come una finale. Se va così, bé, finirà… così sostiene convinto Ruben Sosa.

Leggi anche: NEBULONI:”MANCINI VUOLE TORNARE IN CHAMPIONS”, ECCO COSA HA DETTO A THOHIR PER FAR TORNARE L’INTER GRANDE…

Leggi anche: MERCATO – CINQUE NUOVI NOMI PER LA ROSA NERAZZURRA

Vuoi essere sempre aggiornato su quel che accade nel mondo del calcio e dello sport in generale? Leggi LoSport24!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy