Asse Milano-Roma, per la Champions è corsa a quattro

Asse Milano-Roma, per la Champions è corsa a quattro

Quattro squadre per soli due posti, la lotta Champions diventa appassionante

di Antonio Siragusano
europa inter

 

Fuori ormai da tempo dalla lotta allo scudetto, per Inter, Milan, Roma e Lazio inizia un vero e proprio duello Champions. La conquista di terzo e quarto posto, che varrà l’accesso diretto ai gironi per le squadre che riusciranno a centrarli, attualmente vede nel giro di 9 punti le due milanesi e le due romane, con i rossoneri ed i nerazzurri con una gara in meno, visto che dovranno recuperare il derby di ieri sera, rinviato per l’atroce scomparsa di Davide Astori.

La classifica, come scrive il Corriere dello Sport sulle pagine dell’edizione odierna, mette davanti a tutte la Roma con 53 punti, poi la Lazio con 52 entrambe con 27 partite giocate, l’Inter con 51 e il Milan con 44 con 26 partite. Qualora Gattuso riuscisse a vincere il derby, salirebbe a 47, ancora un po’ distante dalla zona-Champions. Tuttavia, il Milan è la squadra che in questo momento sta meglio rispetto ai risultati altalenanti delle altre: 20 punti nelle ultime 8 giornate, vinte le ultime 3 partite di fila senza subire un gol, finale di Coppa Italia conquistata e ottavi di Europa League da disputare contro l’Arsenal. Non ci sono dubbi che stia meglio dell’Inter. Ieri sera sarebbe rientrato Icardi dal 1′ e a questo punto del campionato, visto il cammino claudicante della squadra di Spalletti, viene da pensare che sia l’unico in grado di rimettere l’Inter in linea di galleggiamento. Dodici punti appena nelle ultime 11 partite sono una media da salvezza nemmeno tanto tranquilla. A suo vantaggio, però, c’è un tratto di campionato incoraggiante: quando ha incontrato le prime 7 della Serie A, non ha mai perso.

Per Lazio e Roma è un momento strano, difficile da decifrare. La Lazio sembrava sicura di sé, ma quando era sul punto di mettere tutti dietro, si è fermata con le tre sconfitte consecutive contro Milan, Genoa e Napoli, salvo poi rilanciarsi con Verona e Sassuolo, e perdere con la Juve al 93′. La Roma, al contrario, sembrava dispersa in quei secondi tempi allucinanti – prima in Ucraina in Champions, poi in campionato in casa ancora col Milan – ma all’improvviso, ecco che espugna il San Paolo, con quattro gol nello stadio della capolista e la riesplosione di Dzeko.

Se è in corsa il Milan, lo è per forza anche la Sampdoria, che ha gli stessi punti. La squadra di Giampaolo ha la forza del gioco e la sfacciataggine dell’intrusa, può fare il colpo, disarcionando club più ricchi e prestigiosi. Oggi è lontana 8 punti dal 4° posto, ma ha una partita in meno delle due romane.

Per la Champions non solo gli scontri diretti saranno decisivi, ma anche le partite di media difficoltà. In ogni caso, da qui alla fine sono da non perdere il recupero del derby di Milano, Samp-Inter alla 10ª, Lazio-Roma alla 13ª, Lazio-Samp alla 15ª e Lazio-Inter all’ultima giornata. Contro il Napoli devono giocarci Inter, Milan e Samp, contro la Juve tutte tranne la Lazio, che ha già pagato…

LEGGI ANCHE –> Verso Inter-Napoli, i nerazzurri preparano il poker d’assi

Tutte le news sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

BERGOMI: “SONO NATO MILANISTA”. POI PERO’…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy