Miranda giura amore: “Resto qui anche senza Champions. L’Inter è casa mia”

Miranda giura amore: “Resto qui anche senza Champions. L’Inter è casa mia”

Il difensore brasiliano nega le voci su un possibile addio in estate: “Ci sono troppe speculazioni. Voglio restare qui e riportare l’Inter in Champions League”

Il suo nome è finito nella lista dei partenti di tutte le testate sportive nazionali e non solo, ma ci pensa il diretto interessato a scacciare via le nubi legate ad un possibile addio. Il difensore brasiliano, Joao Miranda, conferma l’attaccamento alla maglia dell’Inter e chiarisce le possibilità per il mercato estivo.

Intervistato dal sito brasiliano GloboEsporte.com, il centrale nerazzurro ha parlato a 360°, esplicitando anche la possibilità di una doppia convocazione estiva con la Seleção brasiliana e di un futuro lontano da Madrid di Diego Pablo Simeone. 

COPA AMERICA E OLIMPIADI – “Mi piacerebbe giocare sia la Copa America che le Olimpiadi, ma l’Inter non ha l’obbligo di liberarmi per i Giochi. Ma se dovessi essere chiamato, mi piacerebbe rappresentare il mio Paese in una competizione importante che non ha mai vinto. In quel momento prevale il desiderio del giocatore. Dunga non mi ha detto nulla, ma io sono uno che cerca di ripagare tutti quelli che ripongono la loro fiducia in me e dare sempre il mio meglio. Sarebbe difficile decidere per me, ma la Seleçao si sta trovando in un momento complicato e credo che la Copa America potrebbe dare la spinta per risalire. Opterei per la Copa America per provare a cambiare l’ambiente, perché con una vittoria le cose tornerebbero alla normalità”.

ANNATA NERAZZURRA – “Per me è stato un anno positivo. Sebbene sia passato in un campionato diverso sono riuscito a mantenere un livello molto alto, e per me questo è stato un bene. L’Inter ha preso tanti nuovi giocatori ed è normale in questo caso avere degli alti e bassi in un campionato. Io credo ancora nella possibilità di raggiungere un posto per la Champions, siamo sulla strada giusta. È un gruppo forte, sono certo che quando avremo anche la continuità potremo batterci contro qualsiasi squadra in Europa. Quando ero all’Atletico avevo bisogno di un cambiamento. Tutto quello che ho vissuto all’Atletico è stato bello. È stata una tappa vittoriosa, ma volevo fare un salto, cercare altre conquiste, e l’Inter mi ha aperto le porte per provarci. La reputo una sfida. L’Inter è uno dei più grandi club in Europa e io sono uno a cui piacciono le sfide. Quando sono arrivato all’Atletico il club non stava passando un buon momento. Ho accettato e ho lasciato l’Atletico in condizioni migliori di quando sono arrivato. Voglio far sì che l’Inter torni a essere il club che è sempre stato, un club che gioca la Champions e che lotta per titoli importanti”.

LIGA E SERIE A – “Qui è più difficile vincere una partita. In Spagna, quando giochi in una grande squadra sei sicuro di vincere la partita. Qui invece è più complicato, perché più italiani ci sono in una squadra più difficile è batterla. Gli italiani tatticamente sono molto obbedienti e ben organizzati. Se Ronaldo e Messi riuscirebbero a segnare 40 gol qui in Italia? Sono giocatori al di sopra della media, sicuramente farebbero molti gol in qualunque campionato. Ma qui in Italia non riuscirebbero a trovarsi facilmente sotto porta come in Spagna, perché tatticamente qui le squadre sono migliori”.

IL “CHOLO” – “Oggi lo vedo come un allenatore dell’Atletico Madrid. L’Atletico è ben messo come allenatore e lo stesso l’Inter. Sono due tecnici diversi, Simeone è felice a Madrid e penso che vi rimarrà per molti anni. Simeone è uno che punta a tirare fuori il massimo dai suoi giocatori ogni giorno. Esige il massimo da ognuno dentro il campo e i giocatori toccano sempre i massimi livelli. Ha avuto un’esperienza qui in Italia e poiché gli italiani sono molti forti tatticamente, lui mi ha passato molto di ciò che ha imparato qui. Se parliamo ancora? Molto poco, perché ho cercato di slegarmi un po’ dall’Atletico. Devo vivere l’Inter, l’Inter è casa mia, il mio club e devo dedicarmi al mio presente”.

MOURINHO – “Sono felice che abbia apprezzato il mio gioco. Mourinho è un vincente, ovunque è andato ha vinto, perciò merita il mio rispetto. Ma il pensiero è finire bene questa stagione e conquistare titoli con questa maglia”.

FUTURO – “Se penso di lasciare l’Inter senza la Champions? Credo di no, ci sono molte speculazioni. Il mio pensiero è dare il mio meglio, far sì che l’Inter torni a giocare la Champions, se non accadrà stavolta sarà sicuramente per l’anno prossimo, ma non penso in questo momento a cambiare club”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy