Miranda a InterNos: “Il terzo posto è ancora alla nostra portata”

Miranda a InterNos: “Il terzo posto è ancora alla nostra portata”

Torna, come ogni giovedì, il consueto appuntamento con InterNos. Questa volta il protagonista è Joao Miranda che ha risposto alle numerose domande che i fan gli hanno rivolto sui vari social network. Questa un’anticipazione dell’intervista che andrà in onda stasera alle ore 21 su Inter Channel:

Terzo posto possibile? Sì, siamo ancora in corsa. È difficile ma possiamo arrivarci. Ieri abbiamo dimostrato che la squadra può farcela. Non abbiamo paura di nessuno, dobbiamo giocare con orgoglio, coraggio e cattiveria, proprio come ieri. Dobbiamo provarci, manca poco e credo che possiamo farcela. Se abbiamo giocato così con la Juventus, penso che possiamo farlo contro chiunque. Ognuno di noi deve giocare al massimo delle sue qualità. Esperienza in Italia? Qui in Italia mi trovo molto bene, tutti i tifosi, non solo gli interisti, sono gentili, mi fanno i complimenti. All’Inter dal primo minuto sono stato trattato con molto rispetto, affetto. Gioco tutte le partite dando sempre il massimo per questa maglia. Compagni con cui ho legato di più? Tutti i brasiliani, ma devo dire che ho un ottimo rapporto con tutti. Mancini? È un allenatore che mi ha aiutato molto come calciatore perché è un allenatore di carattere, a cui piace il bel gioco e infatti cerchiamo sempre di giocare al meglio per vincere. Darò sempre il massimo e farò sempre di più per il mister che ha fiducia in me. Murillo? È un grande giocatore, giovane, che lavora tanto. Credo che in due-tre anni sarà il miglior centrale d’Europa. Lavora molto, cerca sempre di migliorare. Ha le qualità per essere il migliore in quel ruolo. Sport che seguo? Quando ero piccolo mi piaceva la Formula Uno, ero tifoso di Ayrton Senna. Come squadra di calcio tifavo il San Paolo. Idoli? Come calciatore direi Ronaldo, quando è venuto qui a Milano abbiamo cenato insieme. San Siro stadio unico? Sì, ha qualcosa di speciale. È uno stadio bellissimo, storico. Quando si dice a un giocatore che ci andrà a giocare è una cosa bellissima. Domenica sera contro il Palermo? Spero che giocheremo come abbiamo fatto ieri, con la stessa cattiveria e organizzazione. Se giochiamo come ieri sicuramente possiamo vincere”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy