Crespo: “Mou e Ibra coppia vincente! Ricordo che durante la mia ultima partita…”

Crespo: “Mou e Ibra coppia vincente! Ricordo che durante la mia ultima partita…”

Mou e Ibra: il binomio perfetto per lo United! E Crespo spiega il perché…

L’ex campione nerazzurro Hernan Crespo, ha parlato al giornale inglese The Guardian. L’argentino ha detto la sua a proposito della ‘coppia’ Josè Mourinho e Zlatan Ibrahimovic, rispettivamente suo ex allenatore e calciatore all’Inter, si sono ritrovati entrambi al Manchester United: “I tifosi del club inglese possono stare tranquilli perchè hanno due campioni, uno in panchina e l’altro in campo. Con loro lo United tornerà a vincere e ritroverà la mentalità che aveva quando stava Ferguson in panchina”.

IBRAHIMOVIC – “Con Zlatan ci ho giocato assieme nella stagione 2008/09. Allora, era molto impulsivo: un campione fantastico che poteva decidere le partite con una sua giocata, ma ancora troppo giovane per capire l’importanza del gruppo. Il mio rapporto con Zlatan era speciale. Eppure non cominciò bene. Durante un Cagliari-Inter, stavamo tutti giocando male e Zlatan era veramente arrabbiato con tutti noi. Venne da me per dirmi qualcosa, quasi a rimproverarmi. Io risposi: “Mantieni la calma, io non sono un ragazzo giovane, io sono Hernán Crespo.” Da quel momento abbiamo avuto un rapporto fantastico e nelle partite di allenamento mi faceva segnare tanto. Gli ho detto: “Se farai le stesse giocate dell’allenamento diventerai capocannoniere!” Ebbi ragione visto che Zlatan in breve tempo divenne l’attaccante che in Italia segnava più di tutti”.

MOURINHO – “La cosa più impressionante di Mourinho è la sua capacità di creare un legame speciale con ogni giocatore: sapeva sempre cosa dire a tutti i calciatori dopo ogni partita. Così sapeva come gestire Zlatan. Una volta, dopo una sconfitta, Ibra era furioso. Mourinho, però, è andato a parlare con lui e in pochi istanti si risolse il problema. Zlatan, per la prossima partita, era ancora più motivato e abbiamo vinto la gara con lui miglior giocatore in campo. C’è stato un episodio in particolare che mi ricordo e fa capire perchè i calciatori amano Mourinho: ultimo anno all’Inter e scudetto in tasca. A Milano si giocava Inter-Atalanta, e per me era la gara dell’addio visto che i dirigenti avevano ammesso di non rinnovarmi il contratto avendo 33 anni. Mourinho è venuto da me e mi ha detto: “Hernán, ti sto mettendo in campo, sei pronto?” Non mi aspettavo questo. Sono entrato al 65 ‘e ho fatto qualcosa di stupefacente sulla destra fornendo un bell’assist a Zlatan che segnò di tacco. Ibra si complimentò con me e Mourinho si è anche emozionato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy