Pardo: “Sarri poteva evitare di dire certe cose, ma non è omofobo”

Pardo: “Sarri poteva evitare di dire certe cose, ma non è omofobo”

Sarri

In attesa di conoscere il verdetto ufficiale sulla squalifica di Maurizio Sarri, il noto giornalista Pierluigi Pardo è intervenuto ai microfoni di Radio Crc, all’interno della trasmissione “Si gonfia la rete”, per dire la sua sugli insulti omofobi nei confronti di Roberto Mancini. Queste le sue dichiarazioni riportate da Tuttomercatoweb.com:

“Sarri ha detto una cosa che poteva evitare, ma chi lo conosce sa che non è omofobo. 48 ore fa il tecnico veniva inquadrato come il progressista allenatore operaio ed ha pronunciato quella parola sbagliata perché purtroppo si utilizzano termini sbagliati che portano ad un’offesa. Ancora oggi dico che ci sono discriminazioni e il tema è serio e degno della massima attenzione. Detto questo, Sarri si è scusato e il Napoli deve utilizzare questa occasione per sensibilizzare tutti su un tema così importante. L’idea che questo uomo debba essere marchiato mi fa orrore perché poi qualche anno fa ci sono passato con Cassano quando disse cose non belle in conferenza e lo chiamai per spiegargli che doveva rettificare quanto detto e lui in completa onestà non si era resto contro di aver creato casino. L’ignoranza non giustifica e l’errore di Sarri non può essere cancellato, ma se chiede scusa e fa di tutto per dimostrare di non essere omofobo, non accettare le scuse è sbagliato. La reazione di Mancini mi ha sorpreso perché da una persona che è da tanti anni nel calcio non me lo aspettavo. Non ci vedo mala fede, credo sia stato realmente turbato da quelle frasi e mi auguro che possa esserci un chiarimento. Bisogna approfittare di questa occasione per imparare qualcosa e sensibilizzare tutti e sono convinto che l’ammenda sarebbe migliore della squalifica perché se questa vicenda diventa Napoli contro Inter, perdiamo un’occasione. Ho avuto modo di parlare col Napoli ed ho capito che c’è grande disponibilità per iniziative contro l’omofobia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy