Ranocchia è la vera sorpresa nerazzurra! E ora anche Prandelli…

Ranocchia è la vera sorpresa nerazzurra! E ora anche Prandelli…

Commenta per primo!

Senza dubbio una delle più belle sorprese di questo inizio di stagione per i tifosi nerazzurri sono state le prestazioni offerta da Andrea Ranocchia. Il difensore, irriconoscibile nella scorsa stagione, sembra aver ritrovato pace, serenità e sicurezza da quando sulla panchina dell’Inter siede Stramaccioni.

Il tecnico romano ha fortemente contrastato una possibile cessione del giocatore in estate, pur non garantendogli un posto da titolare. Ma con l’impegno e il lavoro Ranocchia si è conquistato quello che probabilmente già gli spettava, il ruolo di centrale nella difesa interista. Ora con la difesa a tre il ragazzo si trova ancora più a suo agio ed ha finalmente convinto anche Prandelli, dopo un’altra eccellente prestazione anche nel derby. Il tecnico della nazionale si è dunque deciso a convocarlo per le prossime sfide azzurre: Armenia-Italia di venerdì 12 ottobre e Italia-Danimarca di martedì 16 ottobre.

Ecco invece la lista degli altri 8 nerazzurri convocati con le rispettive nazionali:

Matteo Bianchetti: Under 21 Italia-Svezia (venerdi 12 ottobre, ore 21) e Svezia-Italia (martedì 16 ottobre, ore 18); Fredy Guarin: Colombia-Paraguay (venerdi 12 ottobre, Barranquilla,  ore 22.30 italiane) e Colombia-Camerun (Barranquilla); Walter Gargano e Alvaro Pereira: Argentina-Uruguay (venerdi 12 ottobre, ore 2.00 italiane) e Bolivia-Uruguay (martedì 16 ottobre, ore 22 italiane); Samir Handanovic: Slovenia-Cipro (venerdì 12 ottobre, Maribor, ore 20.45) e Albania-Slovenia (martedì 16 ottobre, Tirana, ore 20.45); Yuto Nagatomo:  Francia-Giappone (venerdì 12 ottobre, Parigi, ore 21) e Giappone-Brasile (martedì 16 ottobre, Wroclaw, ore 16 CET); Joel Obi: Nigeria-Liberia (sabato 13 ottobre, Calabar); Marko Livaja: selezione Lega Pro Italia-Croazia (mercoledì 10 ottobre, ore 14.30).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy