">

Ranocchia: “Finalmente segno, sembrava una maledizione! Sulla diffida e il rigore…”

Ranocchia: “Finalmente segno, sembrava una maledizione! Sulla diffida e il rigore…”

Commenta per primo!
" data-original-mobile="http://images2.gazzanet.gazzettaobjects.it/wp-content/uploads/sites/13/2015/08/14/48/ranocchia-320x214.jpg?v=" alt="" />

A commentare la sfida odierna contro il Bologna ai microfoni di Inter Channel arriva anche Andrea Ranocchia, sempre più leader della difesa nerazzurra. Il difensore, come riportato da inter.it, ha affermato: “Il mio gol’ Sembrava una maledizione, nessun colpo di testa riusciva ad entrare, ma oggi finalmente mi è andata bene. Sono molto contento per i tre punti perché erano importanti e sono stati molto difficili da ottenere. Sapevamo sarebbe stata dura, oggi abbiamo corso come matti e gli attaccanti ci hanno dato una grossa mano. Siamo stati eccezionali e dobbiamo continuare così, abbiamo fatto una grande partita e dobbiamo concentrarci sul turno infrasettimanale”.

Un pensiero poi non può che andare alla sfida di sabato sera contro la Juventus. Ranocchia corre il rischio di saltarla visto che è diffidato: “Se essere diffidato può crearmi problemi nel match contro la Sampdoria in vista della Juventus? Sicuramente è bello giocare partite come quella contro i bianconeri, ma non ci penso, proverò a non prendere l’ammonizione come non l’ho presa oggi, poi se arriverà, pazienza”.

Ad Andrea viene poi chiesto un aspetto tattico della squadra: “Sulle palle inattive non è che poi ci abbiamo potuto lavorare tanto perché abbiamo poche ore per provare sul campo, ripassiamo il tutto in riunione e quando siamo in hotel. Poi è certamente tutto più facile quando compagni come Cambiasso ti servono dei palloni incredibili. Se c’era rigore su di me nel primo tempo’ La botta me l’hanno data, infatti il polpaccio è gonfio, poi non so quanto fosse evidente…”, ha concluso Ranocchia.

Segui @IlariaTriplete

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy