Sabatini ricorda Astori: “Un ragazzo meraviglioso. Non mi ha mai perdonato il mancato riscatto”

Sabatini ricorda Astori: “Un ragazzo meraviglioso. Non mi ha mai perdonato il mancato riscatto”

L’ex dirigente nerazzurro ha raccontato i retroscena dell’arrivo a Roma del difensore tragicamente scomparso

di Raffaele Caruso

Quello tra Walter Sabatini e Suning è stato un addio piuttosto freddo che ha sconvolto tutto il mondo nerazzurro: dopo meno di un anno infatti, l’ex dirigente della Roma non riveste più il ruolo di responsabile del settore sportivo del colosso cinese.

L’ex dirigente nerazzurro è tornato a parlare e lo ha fatto ai microfoni de Il Romanista per ricordare l’approdo in giallorosso di Davide Astori all’epoca di proprietà del Cagliari, in vista del match in programma quest’oggi tra Roma e Fiorentina.

Ecco le sue parole: “Un ragazzo meraviglioso. Quando seppe che lo voleva la Roma scelse in un attimo il giallorosso e la cosa si concluse subito, era felicissimo Davide quel giorno del sì alla Roma dove tra l’altro avrebbe ritrovato il suo amico e compagno Nainggolan. È stato un difensore importante come dimostrato anche dalla sua carriera con la maglia della Nazionale, non me l’ha mai perdonato il fatto che non lo avevo riscattato per la Roma. Quando glielo dissi ci rimase malissimo. Lui voleva rimanere in giallorosso e vide in me la causa della mancata conferma. Io tra l’altro Davide me lo sarei tenuto. Perché oltre che un ottimo giocatore, era un ragazzo per bene. Fosse rimasto, sono sicuro che avrebbe avuto il tempo e il modo per far ricredere anche una piazza esigente come quella giallorossa”.

Leggi anche–>Torino-Inter, le probabili formazioni: Mazzarri senza Niang, Spalletti conferma l’undici anti Milan?

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

SUPER GOL DI VALU IN ALLENAMENTO CON LA MAGLIA DEI 100 GOL DI ICARDI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy