Salvini: “I razzisti del 2018 sono solo dei cretini. Ma perché insultare la madre di Materazzi era legittimo?”

Salvini: “I razzisti del 2018 sono solo dei cretini. Ma perché insultare la madre di Materazzi era legittimo?”

Le parole del Ministro italiano a riguardo di quanto accaduto a Santo Stefano

di Marco Accarino, @AccarinoMarco

Attraverso una lettera aperta inviata alla redazione de La Gazzetta dello Sport, il Ministro degli Interni Matteo Salvini è tornato a parlare delle conseguenze scatenate dagli episodi di violenza e razzismo avvenuti prima, durante e dopo la partita tra l’Inter ed il Napoli. Queste le parole del politico italiano: “Sono contrario alla chiusura dello stadio, di alcuni settori ed al divieto di trasferta dei tifosi. I violenti sono una minoranza, non concepisco l’idea di punire la maggioranza dei tifosi. Voglio riempire gli stadi di famiglie e bambini: ne stiamo già parlando con le istituzioni di dovere. Faremo un consiglio con tutti gli organi interessati: società, allenatori, calciatori, giornalisti e tifosi. Vogliamo fermare la violenza, non sarà facile, ma vogliamo farlo”.

Poi focalizza l’attenzione sugli insulti rivolti verso Koulibaly: “Ho letto che la UEFA si è espressa dicendo che la partita andava fermata, sospesa. Io credo che con quello che era successo e che stava succedendo, una decisione del genere avrebbe creato ancor più attriti. In più: vogliamo beccare i tifosi che insultano per il colore della pelle e non quelli che insultano la famiglia? Qual è il confine tra i due tipi di insulti? Inveire contro la famiglia di Materazzi si può fare? Nel 2018 chi disprezza gli altri per un colore di pelle diverso dal proprio è un cretino! Ma il problema razzismo non va banalizzato. E sottolineo: io Koulibaly lo vorrei al Milan, perché è fortissimo”.

SONDAGGIO PI.COM – VOTA IL MIGLIOR ACQUISTO NERAZZURRO DELL’ESTATE 2018

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

SPALLETTI: “BASTA ODIO NEL CALCIO! STADIO CHIUSO? LO ACCETTIAMO”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy