Schelotto: “L’Inter fu la mia grande occasione. Con Mazzarri non mi fu data la possibilità di giocare”

Schelotto: “L’Inter fu la mia grande occasione. Con Mazzarri non mi fu data la possibilità di giocare”

Il centrocampista ex Inter, alle prese con un brutto infortunio al ginocchio, ha raccontato la propria esperienza all’Inter ai microfoni di gianlucadimarzio.com

di davidericci

Ezequiel Schelotto racconta, ai micfroni di  gianlucadimarzio.com, la sua carriera italiana, dagli inizi con l’Atalanta e il Catania di Simeone, fino alla parentesi Inter“El Galgo è attualmente impegnato nella riabilitazione a causa della rottura del legamento crociato del ginocchio destro, rimediato nella partita tra Chievo e Torino.

Il centrocampista, approdato a Verona nel mercato di gennaioha parlato del suo momento di forma ma anche del passato, del suo amore per l’Italia e del periodo passato con la maglia nerazzurra: “Era la mia grande occasione giocare in un club importante come l’Inter. I primi sei mesi con Stramaccioni andarono molto bene, ci fu il derby (Inter-Milan 1-1 del 2013, ndr) dove segnai, fu un periodo dove giocai abbastanza. Era una squadra però anche legata al Triplete, piena di campioni che avevano vinto tutto. Io ero giovane e non mi fu data la possibilità di dimostrare ciò che valevo”.

L’anno successivo sulla panchina meneghina arrivò Walter Mazzarri“Non mi considerava, non mise neppure in rosa. Io non chiedevo una maglia da titolare ma almeno una possibilità per giocarmela. Volevo farmi vedere ma non mi è stata data neanche una spiegazione. Una cosa però non farei – conclude – se tornassi indietro: la rescissione di contratto. Avrei dovuto combattere e dimostrare all’allenatore che Schelotto può giocare all’Inter”.

Genoa-Inter, Spalletti: “Icardi convocato e titolare, dentro il gruppo vale più di Messi e Ronaldo insieme. Marotta? Lavoro fondamentale!”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy