Sconcerti: “Ieri l’Inter ha giocato male. Jovetic non decide cosa essere”

Sconcerti: “Ieri l’Inter ha giocato male. Jovetic non decide cosa essere”

Sul campionato: “Se si guardano i numeri, l’unica squadra ancora candidabile è il Napoli”

Commenta per primo!
jovetic cure

Mario Sconcerti ha fatto il punto su un campionato sempre più equilibrato, dando il suo parere anche sulla prestazione di ieri sera dell’Inter contro la Lazio. Nel consueto punto sul Corriere della Sera, c’è anche stato spazio per una leggera frecciata a Stevan Jovetic. 

Ecco le sue dichiarazioni:

CAMPIONATO – “Se si guardano i numeri, l’unica squadra ancora candidabile è il Napoli perché ha perso solo due partite, con una proiezione finale di 4, il limite serio di sconfitte possibili negli ultimi 50 anni per vincere un campionato. Questo vuol dire o che il Napoli è predestinato, o che è davvero un campionato largamente atipico. È scomparso l’equilibrio medio. Ora ci sono squadre nettamente più forti e altre sempre battute. Resta però l’equilibrio in alto, resta la sensazione d’incompletezza generale. Si è tutti insieme per i limiti rispettivi più che per una vera forza espressa. Questo giustifica le tante sconfitte delle prime, ben 16 in cinque squadre, ogni turno ha cioè perso una grande squadra”.

INTER E JOVETIC –  “L’Inter ha giocato male come a inizio stagione e com’era abbastanza prevedibile. La Lazio se gioca tranquilla è una buona squadra e ieri non aveva nient’altro da perdere. È tornata invece l’Inter spezzata in due, con Jovetic nel mezzo che tenta sempre un gioco generoso e vanesio, ma non decide cosa essere. Così non c’è stato un tiro in porta né un pensiero costruttivo. La Lazio non ha rubato niente. Capitano all’Inter giorni in cui l’oscurità del suo gioco non è salvabile dai soli fantasisti. Non gli darei troppo peso. Ma questa è la sconfitta che riapre tutto il campionato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy