Shaqiri: “Derby? C’è tanta voglia di vincere. Sono venuto all’Inter per fare la differenza. L’anno prossimo…”

Shaqiri: “Derby? C’è tanta voglia di vincere. Sono venuto all’Inter per fare la differenza. L’anno prossimo…”

Commenta per primo!

Dopo Gary Medel e Andrea Ranocchia, oggi tocca a Xherdan Shaqiri presentarsi ai microfoni dei giornalisti presenti nella sala stampa di Appiano Gentile. Ecco le parole dello svizzero a soli due giorni dal derby della Madonnina, in programma domenica alle 20.45:

Qual è stato il problema maggiore che hai incontrato in Italia? “Naturalmente il calcio è diverso ma non ho avuto particolari problemi di ambientamento. Mi sento bene fisicamente e mi trovo bene a Milano. Non è stata la migliore delle stagioni ma il nostro obiettivo è tornare ai fasti di un tempo, tornando in Champions League, la casa naturale dell’Inter”.

Il club mette sempre più il tifoso al centro. Per te, quanto sono importanti i tifosi in vista del tuo primo derby? “A me piace molto questa campagna perché i tifosi per noi sono importanti. Non solo per il derby ma anche per il futuro ritorno in Europa. I nostri tifosi sono speciali e abbiamo sempre bisogno di loro”.

Che voglia avete di dare una soddisfazione ai tifosi? “La voglia di vincere è tanta. L’atmosfera sarà speciale e lo stadio pieno, vogliamo vivere questo derby da vicino con i nostri tifosi e regalare loro i 3 punti”.

In 4 mesi hai capito cosa significa il derby di Milano? “Me ne sono accorto non solo parlando con i compagni, la tensione sta salendo. Lo stadio sarà pienissimo, voglio godermi appieno l’atmosfera che ci sarà e cercare di vincere”. 

Come ti senti, come si è preparata la squadra? “Siamo tutti contenti, c’è una bella atmosfera, sarà la partita più importante. La tensione sale ma siamo felici, vogliamo dare il meglio. Per quanto riguarda la preparazione ci siamo preparati come sempre, saremo concentrati al 100%”. 

Ti aspetti di giocare titolare contro il Milan? “Chiaramente, ma Mancini ha l’ultima parola”.

Mancini si aspetta che tu possa accendere la partita all’improvviso e per tutti i 90 minuti. Cosa ne pensi? “Mi sono reso conto che Mancini pretende da me che faccia la differenza. Sono venuto per questo, sono in un top club. Però ho sempre bisogno dei compagni per raggiungere un obiettivo importante”.

Per lottare per lo scudetto servirà migliorare tecnicamente o mentalmente? “Naturalmente entrambi gli aspetti sono importanti. Quello mentale è primario, dobbiamo essere una squadra che scende in campo con motivazione, incutendo rispetto e timore negli avversari. Ci sono molti buoni giocatori, dobbiamo fare uno scatto mentale per tornare a essere una potenza in Italia e in Europa”.

Dopo aver visto la partita tra Wolfsburg e Napoli di ieri sera, c’è il rammarico per l’eliminazione contro i tedeschi? “Il rammarico c’è, potevamo passare il turno ma sono contento che una squadra italiana abbia lo superato”.

In base alle parole di Mancini, cosa credi che manchi in questa squadra? “Non lo so dire con precisione. Posso dire che se arrivassero top player con esperienza potrebbero aiutarci a colmare le lacune mostrate in alcune partite. Non so come saremo, ma Mancini ha in mente cosa fare. Un paio di nuovi innesti di livello ci aiuterebbero”.

L’Inter già a marzo non ha più obiettivi, c’è una spiegazione? “Perché non abbiamo ottenuto i risultati per andare avanti. Questo è il calcio, siamo mancati come condizione in alcune partite importanti. Ma siamo circondati da persone competenti che sanno come comportarsi”. 

Leggi anche: MILITO: “DERBY ATMOSFERA INCREDIBILE. MI ASPETTO…”

Leggi anche: AUSILIO: “DYBALA MI PIACE. ABBIAMO OFFERTO IL RINNOVO A HANDA E ICARDI, MA…”

Vuoi essere sempre aggiornato sul calcio e su tutto il mondo dello sport? Segui LoSport24!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy