Skriniar (Dazn): “Lasciare l’Inter? No, nemmeno per la Juve. Spalletti è indescrivibile, mentre sugli altri compagni…”

Skriniar (Dazn): “Lasciare l’Inter? No, nemmeno per la Juve. Spalletti è indescrivibile, mentre sugli altri compagni…”

Il difensore slovacco è reduce dalla gara sontuosa contro il Barcellona

di Antonio Siragusano

Ciò che sorprende di Milan Skrniar, è probabilmente la capacità di stare sempre sul pezzo e non deludere mai le grandi aspettative nei suoi confronti. Dopo aver sorpreso tanti tifosi dell’Inter nella scorsa stagione, quest’anno non solo si è confermato, ma la gara contro il Barcellona ci ha mostrato un difensore addirittura più forte del solito. Adesso, si torna in campionato con la solita determinazione di sempre e la consapevolezza di voler andare alla sosta con altri e punti in tasca. Intervistato dai microfoni di Dazn, ecco quanto ha riferito l’ex Sampdoria:

SAN SIRO – “Il Meazza? Quando ho giocato la prima partita con la maglia della Sampdoria a San Siro ho fatto diverse foto, è grandissimo: siamo emozionati anche noi a giocarci, è bellissimo”.

ORIGINI – “Io ho iniziato a giocare a calcio all’età di quattro anni: in famiglia lo seguiamo molto, anche prima che nascessi io. Mio padre ha giocato, anche il nonno e il fratello: appena nato volevo fare il calciatore. Io gioco difensore per il quinto anno, prima giocavo in mezzo. Se ho nostalgia di casa? Tante volte l’ho avuta, ma la mia famiglia mi sostiene sempre: anche quando sono andato via a 11 anni venivano a trovarmi e a vedermi. Devo ringraziarli”.

SPOGLIATOIO – “I compagno mi chiamano ‘Skri’, se i tifosi hanno difficoltà a chiamarmi ‘Milan’, possono chiamarmi così. Handanovic? Ha professionalità. Brozovic? E’ divertimento, fa scherzi. Icardi? Personalità, bomber. Spalletti è il boss che comanda lo spogliatoio, non c’è una parola per descriverlo. Le sue parole? Non so se scherzava o meno, devo ancora chiederglielo. Io non penso alle cifre, penso al lavoro e voglio fare il meglio possibile. Lasciare l’Inter? No. Nemmeno per la Juve. Non sono mai riuscito a vincere con loro, speriamo quest’anno. I gol nel finale significano che siamo una squadra forte che ci crede fino alla fine. L’obiettivo è stare lì vicini a quelli sopra, poi vediamo cosa succede”.

LEGGI ANCHE – > Mercato – Inter, Areola o Cragno per il dopo Handanovic

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

VIDEO – CALCIOMARKET DI CARLO LAUDISA: INTER-SKRINIAR, E IL RINNOVO?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy