Sconcerti: “Sostituto di de Boer? Non importa! Serve la responsabilità dei giocatori, basta alibi”

Sconcerti: “Sostituto di de Boer? Non importa! Serve la responsabilità dei giocatori, basta alibi”

Le parole di Mario Sconcerti a proposito del probabile esonero del tecnico nerazzurro

intervista sconcerti

“L’Inter non è più sotto il controllo di De Boer“, inizia così il pezzo scritto da Mario Sconcerti per il Corriere della Sera, il giornalista ha fatto il punto della situazione nerazzurra.

“Quella nerazzurra non è una squadra guidata, è solo una squadra che gioca a soggetto, stanca dal primo minuto, svogliata e confusa. Poche volte i giocatori boicottano un allenatore, molte volte lo abbandonano alle sue idee, non le condividono, non le capiscono, non sanno realizzarle, e fanno un passo indietro, come si dimenticassero di lui. L’Inter mi sembra a questo livello, non ha Interesse per il destino di De Boer e nemmeno per se stessa perché l’incompiutezza di De Boer copre le colpe di tutti. Date un alibi ai giocatori e lo useranno contro di voi. Il problema non è se De Boer sia un buon allenatore o meno ma se possa o no recuperare un rapporto con la sua squadra attuale. A me sembra di no. È evidente che allenatore e squadra parlano linguaggi diversi, che non c’è complicità. Ognuno si fa i fatti propri nella speranza che qualche volta collimino. Ma esistono gli avversari, esiste la voglia di correre, la necessità di muoversi con ordine. Questo manca all’Inter. Non è un problema di schema, qui l’errore è dovunque. È qui che scompare De Boer, in questo infinito lattiginoso che non è mai riuscito a controllare. Oggi i soldati di una squadra sono più importanti dei generali, ma anche Alessandro, anche Cesare, furono uccisi dai loro compagni. Figuriamoci De Boer che si è trovato in mezzo a una Babilonia di lingue e di ambizioni opposte senza avere né i mezzi per difendersi, né una società. L’Inter di oggi, come il Milan di domani, sono oggetti dove un padrone di altri continenti cerca solo la grande conquista, la massima evidenza, non il rifugio per il gossip atletico che affonda una squadra. Ma De Boer è andato oltre. Pace alla sua bravura di fondo, non è in discussione e francamente Interessa a pochi. Ma guerra profonda al suo sbando, alle conseguenze illetterate della sua gestione”.

Il nome per il sostituto di De Boer non ha importanza, serve uno sforzo in più da parte della squadra: “Si dice, ma chi al posto suo? È una cattiva domanda. Al posto suo deve andare la responsabilità dei giocatori, il loro non avere più alibi. Altrimenti avremo sbagliato tutti, chi ha comprato e chi ha avuto fiducia. E non siamo tutti scemi”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy