Zanetti: “La finale di Champions è il ricordo più bello. Sapevo che il momento dell’Inter sarebbe arrivato”

Zanetti: “La finale di Champions è il ricordo più bello. Sapevo che il momento dell’Inter sarebbe arrivato”

Le parole del vicepresidente dell’Inter sulle tappe più importanti della sua carriera

Javier Zanetti, vicepresidente dell’Inter, ha rilasciato una lunga intervista a Four Four Two, ripercorrendo le tappe più importanti della sua carriera:

SOPRANNOME – El Tractor? Tutto è iniziato in Argentina ed era legato al mio stile di gioco: coprivo un sacco di campo senza fermarmi. Quando sono arrivato a Milano, i giornalisti italiani hanno sentito il soprannome e l’hanno adattato a El Tractore. È rimasto il mio soprannome fino a quando sono diventato capitano, quando poi mi chiamavano Il Capitano. Nessuno mi chiamerebbe ancora El Tractor. 

LAVORARE CON PAPA’ – Quelli sono stati tra i migliori momenti della mia vita. Era una delle cose che ho apprezzato di più. Non solo perché io gli davo una mano e potevo stare con lui, ma anche come un’esperienza che cambia la vita per vedere in prima persona l’enorme sacrificio che mio padre stava facendo per dare da mangiare alla nostra famiglia. Ha soggiornato con me durante tutta la mia vita e mi ha guidato anche durante la mia carriera. E, naturalmente, so ancora come costruire un muro, non l’ho dimenticato! Se dovessi costruirne uno, potrei farlo. Il giorno in cui mio padre mi ha incoraggiato ad essere un calciatore è stato mentre stavamo lavorando su un muro quando avevo 12 anni. Prima di diventare un professionista, ho consegnato il latte, impostando la sveglia alle 4 ogni mattina prima di andare a scuola. Poi il pomeriggio c’erano gli allenamenti.

L’ARRIVO ALL’INTER – La presentazione ufficiale si è tenuta presso l’hotel Terrazza Martini. Sono arrivato con Sebastian Rambert e siamo stati entrambi accolti dal presidente, dal capitano Giuseppe Bergomi e da alcuni membri del consiglio di amministrazione. Era la mia prima volta a Milano e pioveva. Dopo di che, la squadra si diresse verso il nostro campo di allenamento pre-stagionale a Cavalese, in montagna, e sono andato lì portando le mie scarpette in un sacchetto di plastica. Nessuno sapeva chi fossi, era un’altra era, ero uno sconosciuto. Sono passato attraverso i tifosi che stavano aspettando i loro idoli e più tardi, quando sono apparso sulla terrazza per salutarli, hanno capito che ero un nuovo giocatore. Durante la mia prima stagione all’Inter vivevo da solo, e in quel momento i telefoni cellulari erano nuovi e costosi. C’era un telefono a gettoni a due isolati dalla mia casa a Como, quindi avrei comprato una carta telefonica prepagata e passavo ore in piedi lì a parlare con Paula. Le persone che erano rimaste in fila mentre parlavamo direbbero alcune parole piuttosto dure, soprattutto in inverno. Ero congelato, ma continuavo a parlare. 

FIGURINE PANINI  – Ho visto le figurine Panini e sono davvero tutte uguali! Ma non c’è nessun segreto, basta essere appassionato di ciò che fai. Per quanto riguarda il taglio di capelli, ammetto che mia madre ha usato una scodella per tagliarli fino a quando avevo 12 anni. Poi sono andato in un barbiere e ho cambiato taglio.

HODGSON – In quel momento non accettai la sostituzione. Avevo giocato bene e non credevo che il giocatore che mi sostituì, Berti, avrebbe tirato un rigore. L’ho capito dopo, ma la mia reazione era arrivata in un momento caldo. Più tardi quella sera ci siamo abbracciati e ho ancora un ottimo rapporto con Hodgson. Era un buon manager, sempre preparato e in grado di prendersi cura di piccoli ma importanti dettagli. 

RESTARE ALL’INTER – Ero sicuro che il momento per l’Inter sarebbe arrivato. Parlai con il presidente Moratti e la mia famiglia. Essendo capitano, volevo lasciare un segno importante nel club. Sì, ci sono stati momenti difficili, ma la dirigenza ha mostrato fiducia nella squadra in costruzione e abbiamo lavorato insieme per raggiungere gli obiettivi che abbiamo voluto per così tanto tempo. Quando si firma per Inter, il club ti fa pensare che fai parte di una famiglia, come un figlio nuovo.

MANCHESTER UNITED – C’erano alcune voci rumorose sul Manchester United che voleva farmi firmare alla fine degli anni ’90. Una volta ho visto Alex Ferguson in un aeroporto mentre ero in Inghilterra con mia moglie. Abbiamo parlato un po’ di calcio, ma sono sempre stato coerente con la mia idea di stare con l’Inter, anche in quegli anni complicati, e sarebbe stato difficile per me andare. Non c’era solo il Man United, c’erano anche altri grandi club, ma il mio amore per l’Inter era sempre in cima a tutto.

CALCIOPOLI – A prescindere dai sospetti, saremmo sempre finiti frustrati se non avessimo raggiunto i risultati che stavamo cercando. Poi è uscita tutta la verità ed è stato un capitolo molto difficile per il calcio italiano. Tutto il mondo stava guardando, e spero solo che qualcosa di simile non accada di nuovo. È molto importante ricordare quello che è accaduto, ma la mia sensazione è che è meglio lasciare questi episodi negativi al ​​passato e concentrarsi sui titoli  che abbiamo vinto e il modo in cui li abbiamo vinti. 

VALENCIA-INTER – Era una partita tesa al Mestalla. Il Valencia aveva segnato, e dopo il fischio finale c’è stata una chiara provocazione in campo, questo è stato il motivo per cui abbiamo reagito. Dopo di che, tutti hanno visto quello che è successo: uno dei panchinari del Valencia ha colpito Nicolas Burdisso, rompendogli il naso. Sul campo, è stata la cosa peggiore che abbia mai visto.

IBRAHIMOVIC – Zlatan era un ragazzo incredibile, un grande personaggio e un giocatore che può fare la differenza. I suoi tre anni con noi sono stati spettacolari e pieni di trofei, ma la cosa che non dimenticherò mai è un episodio che si verificò in allenamento. La palla era in aria e alzò la gamba sopra la testa di un compagno di squadra e colpì la palla con il tocco più delicato che tu abbia mai visto. Ha studiato taekwondo o qualcosa del genere, per cui i suoi movimenti potrebbero sorprenderti. Se si guarda alla sua altezza, si potrebbe pensare che non è tecnicamente dotato, ma è un tipo diverso. Siamo stati molto fortunati ad averlo.

BARCELLONA-INTER – Prima di tutto, per favore, non dimenticate la grande prestazione dell’andata in cui abbiamo giocato a San Siro. Nonostante siamo andati subito sotto, eravamo così fiduciosi che stavamo facendo il nostro lavoro che abbiamo finito per batterli comodamente 3-1. La seconda partita è stata un’imponente prestazione difensiva, sì, ma non perché abbiamo pianificato in questo modo. E’ stato proprio il modo in cui siamo stati costretti a reagire dopo che Thiago Motta fu espulso nei primi 30 minuti. Abbiamo mostrato grande personalità, forza, impegno e coesione per combattere per il nostro posto nella finale, contro un avversario considerato il migliore nel mondo e da alcuni come il migliore della storia. Come giocatore, a volte si ottiene quella sensazione che qualcosa di buono sta per accadere, che sei capace di tirare fuori l’impossibile. Ho potuto vedere l’impegno di Samuel Eto’o, stava praticamente accanto a me come un terzino destro per il resto della partita, nonostante fosse un attaccante, perché la squadra aveva bisogno di copertura. Egli era disposto a sacrificarsi per la squadra e aiutarci a difendere contro Messi e Xavi e tutti gli altri giocatori. Ciò mostra quanto la nostra squadra voleva raggiungere quella finale.

MOURINHO – Per noi Mourinho è sempre stato un manager superbo. Era un uomo con una forte personalità che preparava ogni gioco nei minimi dettagli. Ogni giocatore che andava in campo sapeva esattamente cosa doveva fare e come reagire in qualunque modo la partita avrebbe potuto svolgersi. Quella era la sua grande risorsa. Durante le due stagioni in cui José era responsabile dell’Inter, la squadra era sempre incredibilmente ben preparata.

FINALE DI CHAMPIONS – Momento migliore della carriera? Sì, senza dubbio. Non potrei chiedere di più. Ma lasciatemi correggere una cosa: mentre è generalmente ricordato come il Triplete, abbiamo vinto cinque titoli quell’anno, con la Supercoppa Italiana e il Mondiale per Club. Ecco perché dico che è il miglior momento complessivo, visto che la squadra aveva raggiunto la vetta. E’ stato un sogno portare l’Inter sul palcoscenico mondiale, lasciare i nostri nomi scritti come vincitori della Champions League, ma soprattutto sapendo quanto i fan aspettassero quel momento. Contribuire a questo successo è stato incredibile. Mentre eravamo ancora al Bernabeu facendo le interviste post-partita, potevamo vedere i filmati dei tifosi che si riunivano in Piazza del Duomo e volevamo essere anche lì. Siamo arrivati alle 6 del mattino e abbiamo trovato San Siro pieno di tifosi in attesa di vedere il loro trofeo. Questi sono i miei ricordi migliori. All’interno dello spogliatoio io festeggiavo. Si era realizzata una cosa che cercavamo da decenni, per ognuno di noi era un enorme sollievo e anche una gioia personale realizzarlo. Più tardi abbiamo pensato alla sua decisione, ma non puoi pensare al futuro subito dopo aver vinto la Champions League.

MATRIMONIO – Che cosa posso dire, mi conosceva! In Serie A abbiamo sempre avuto una pausa durante il periodo natalizio, ma solo una settimana, così potevo continuare sempre la mia routine di allenamento. Mi sono sposato il 23 dicembre, quindi quel giorno avevo bisogno di allenarmi.

ARGENTINA – Maradona e Pekerman? No, non ho parlato con loro e non lo vorrei neanche, ne è passata di acqua sotto il ponte, la mia coscienza mi dice che ho fatto tutto quello che era in mio potere per essere scelto. Non solo, sono stato anche molto convocato durante le partite di qualificazione per entrambe le Coppe del Mondo, quindi il mio desiderio di essere lì era sempre chiaro. Non considero una macchia sulla mia carriera internazionale, dato che non ho rimpianti.

SIMEONE  E POCHETTINO – Per diversi anni prima di andare in pensione era chiaro che volevo diventare quello che sono ora, qualcuno legato al club ma non come manager. Ora che sono vicepresidente dell’Inter non potrei essere più felice e orgoglioso, perché ritengo che sia ancora utile al club. Ma anche quando stavamo giocando, Simeone e Pochettino erano come manager, ti facevano capire che sarebbero diventati allenatori. Come per gli altri con cui ho giocato, penso che un altro grande allenatore futuro è Esteban Cambiasso. Era proprio come Poch e El Cholo.

INDIPENDIENTE – Avrei dovuto scegliere l’Independiente, perché sono un loro fan ma purtroppo non ho mai avuto l’opportunità di giocare per loro. Ho iniziato alla loro accademia giovanile ma non sono stato scelto perché non ero abbastanza buono fisicamente, come accade a molti giocatori. Il mio idolo era Ricardo Bochini e li ho sostenuti a casa e durante il campionato del 1983. Poi la stagione successiva hanno sollevato la Coppa Intercontinentale battendo il Liverpool, quindi sicuramente li avrei scelti.

ZANETTI E TOLDO ALLE PRESE CON LA CUCINA ORIENTALE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy