Zé Elias: “Stupendo giocare con Simeone. Vi racconto la lite con Pagliuca…”

Zé Elias: “Stupendo giocare con Simeone. Vi racconto la lite con Pagliuca…”

L’ex giocatore dell’Inter, racconta il suo passato in maglia nerazzurra, svelando alcuni retroscena

di matcorona

Zé Elias, ex calciatore dell’Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Uol Esporte, ricordando il suo passato nerazzurro e alcuni calciatori con cui ha giocato, come Simeone: “Giocare accanto a Simeone è stato stupendo, ho imparato tantissimo da lui. Sono cresciuto grazie anche a persone come lui, mi ha dato consigli preziosi e sono riuscito a diventare più maturo all’interno del gioco”.

Non poteva chiaramente mancare, una parentesi relativa al Fenomeno Ronaldo: “Abbiamo giocato insieme nel Corinthians, poi in Nazionale nel 1994 nell’under 17. Mi ricordo alle Olimpiadi, la partita contro il Giappone dove siamo entrati e siamo riusciti a vincere. L’anno successivo, è arrivato all’Inter e scherzando gli ho detto che non potevo andare da nessuna parte perché mi seguiva”.

Una delle parti più calde dell’intervista però, riguarda il rapporto con Pagliuca. L’ex portiere, riserbò alcune critiche a Robinho, ex portiere di Juve e Genoa nonché fratello di Zé Elias. Il calciatore brasiliano ex Inter, ha così raccontato l’aneddoto: “Non guardo mai le partite di mio fratello perché mi innervosisco. Una volta ebbi una discussione con Pagliuca. Mentre guardavamo la finale del Mondiale under 17, dissi a Pagliuca che mio fratello stava giocando e stava difendendo la porta. Lui mi rispose che era lento perché non era riuscito ad intervenire su un calcio di rigore. A quel punto gli dissi che lui era lento e quel tiro era difficile anche per lui. Continuai a ribadire i miei concetti, lui mi guardava male e alla fine gli chiesi scusa“.

piuletto

TMW – Rinnovo Skriniar, l’Inter ha rifiutato 80 milioni dal Real Madrid

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy