INTER-FROSINONE 4-0, le pagelle: Murillo da impazzire, bentornato Biabiany!

INTER-FROSINONE 4-0, le pagelle: Murillo da impazzire, bentornato Biabiany!

Nel match valido per la 13° giornata di Serie A, l’Inter ha battuto 4-0 il Frosinone con i gol di Biabiany, Icardi, Murillo e Brozovic.
Ecco i nostri voti dei giocatori nerazzurri:

HANDANOVIC 7 Contro le possibili attese, è una serata di lavoro e neanche facile: subito uscita alla Neuer e miracolo su Soddimo, poi con concentrazione porta a casa il nono “clean sheet” stagionale.

NAGATOMO 6 L’inizio è gagliardo ma la vena offensiva di Soddimo lo costringe presto a stare sul chi va là. Spinge poco, ma garantisce buona copertura. (60′ RANOCCHIA 6 Entra per dare compattezza e ci riesce, anche perchè il Frosinone dal suo ingresso poi calerà notevolmente)

MIRANDA 6,5 Gestisce e guida la difesa con la consueta tranquillità, facendo sembrare semplice ciò che semplice non é. Si conferma difensore di livello veramente altissimo.

MURILLO 7,5  Sembra il Lucio dei bei tempi, è Murillo: partita praticamente senza sbavature che lo conferma come un pilastro della squadra. Segna due gol: uno a Leali e l’altro salvando da grande campione su Castillo.

TELLES 6,5 Il suo universo è il fondo, che cerca con grande frequenza nel primo tempo con 3-4 cross interessanti. Nel secondo tempo Rosi avanza e lui si dimostra in crescita anche in copertura.

FELIPE MELO 7 L’uomo ovunque della serata. Ha in testa tutto il gioco un secondo prima che accada e va in interdizione in ogni zona. Ritrovato dopo qualche uscita opaca.

KONDOGBIA 6 Perde tanti palloni, ma gli manca spesso l’appoggio semplice al suo fianco. Molto meglio da interditore e in tenuta, con il fisico che inizia finalmente a rispondere bene.

BIABIANY 7 Un’estate a correre da solo per riacciuffare il sogno di essere un calciatore e poi alla prima da titolare gioca una partita sontuosa ed intelligente, condita da un gol importante e non semplice come poteva sembrare. Bentornato Jonathan. (85′ PERISIC sv)

JOVETIC 6,5 Il lampo di genio non manca mai, la concretezza qualche volta sì. L’intesa con Ljajic è naturale, quella con Icardi in ascesa. Sciupa almeno due gol, poi decide di far segnare Murillo.

LJAJIC 7 Una mezz’ora di ambientamento, poi inizia a dare vero spettacolo: dentro tutte le manovre, dopo aver propiziato un gol serve due assist e salta un’infinità di volte l’uomo. Se vedesse anche la porta, sarebbe un vero intoccabile.

ICARDI 6,5 Un primo tempo solo di volontà premiato da una ripresa da Icardi: si muove tanto, apre spazi, avvia con una magia l’azione che lo porterà al tap-in. Questo è il Maurito che ricordavamo!
(87′ BROZOVIC 6,5 Entra giusto per iscriversi nel tabellino marcatori: one shot, one kill.)

MANCINI 7,5  Si schiera ancora una volta a specchio con l’avversario e ancora una volta ha ragione lui. Quattro giocatori offensivi per lanciare un segnale: basta con gli 1-0. Premiato da un gruppo sempre più convincente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy