Le PAGELLE di JUVENTUS-INTER 0-0: Handanović cala la saracinesca, Candreva appannato

Le PAGELLE di JUVENTUS-INTER 0-0: Handanović cala la saracinesca, Candreva appannato

I voti e i giudizi di tutti i protagonisti della sfida andata in scena all’Allianz Stadium di Torino tra i bianconeri campioni d’Italia e l’Inter di Luciano Spalletti

di Giorgio Crico, @gio_prankster

LE PAGELLE

Skriniar

Ecco i voti e le pagelle di Juventus-Inter a cura della redazione di passioneinter.com

.

Voto alla partita 5,5 — Un match estremamente bloccato e, come si diceva una volta, tattico. Non privo di spunti buoni per un’analisi approfondita e che potrebbe solleticare parecchio a chi si interessa di tattica ma, oggettivamente, non particolarmente intrattenente a livello di semplice spettacolo.

Voto alla squadra 6 — Un’interpretazione difensiva quasi perfetta per tutti e novantatré i minuti ma è mancato qualcosa da centrocampo in su.

_______________________________________________________________________

HANDANOVIĆ 7 – L’assicurazione nerazzurra sul risultato, mette sempre una pezza dove non arrivano i compagni della difesa.

D’AMBROSIO 6 – Partita ordinata, la sua. Un paio di volte Mandžukić gli scappa ma dà sempre la sensazione di essere in controllo e non si sottrae a un paio di sortite offensive.

ŠKRINIAR 7 – Un’altra partita da gigante. La sua sicurezza è sempre e comunque disarmante per il modo in cui si manifesta, monolitico e privo di crepe. Un giocatore spaventoso.

MIRANDA 6 – Un po’ sotto tono rispetto al compagno di reparto ma in leggera ripresa rispetto alle sue ultime apparizioni.

SANTON 6 – Più di una sbavatura ma fornisce una prestazione coraggiosa, sicuramente più di quella di D’Ambrosio dall’altra parte. Uno scontro con Cuadrado lo costringe a sventolare bandiera bianca.

Dal 63′ DALBERT 6 – Scampolo di partita incoraggiante, per il brasiliano. Attenzione difensiva encomiabile unita a un maggior coraggio nello spingersi in avanti senza pallone.

BROZOVIĆ 5,5 – Un po’ di indolenza qua, una scelta sbagliata qua ma, a compensare, una quantità disumana di chilometri macinati e uno spirito di sacrificio inedito per lui.

VECINO 6 Un tergicristallo tra difesa e attacco. Non sempre preciso al massimo, non sempre cattivissimo nei contrasti ma è molto, molto spesso sul pezzo. E questo, a oggi, lo rende uno degli irrinunciabili della formazione nerazzurra.

CANDREVA 5,5 – Manca in qualche occasione un suo ripiegamento offensivo sull’avanzata del terzino avversario e davanti sbaglia più di una scelta in situazioni buone per l’Inter. Un passo indietro rispetto alle ultime uscite.

Dal 69′ GAGLIARDINI 6 – Entra e corrobora la fase d’interdizione. Bene così per il centrocampista nerazzurro.

BORJA VALERO 6,5 – Luci e ombre in fase di gestione, molto generoso senza palla.

PERIŠIĆ 5,5 – Poco lucido, inceppato, lezioso, agonisticamente poco intenso nelle poche occasioni in cui il Biscione riesce a proporsi con il pallone oltre la metà campo. Irriconoscibile rispetto alla partita giocata contro il Chievo, in fase offensiva. Riesce a rendersi più utile in copertura.

ICARDI 5,5 – L’unica scelta che gli tocca la sbaglia e tira con angolo zero quando potrebbe passare il pallone a un Brozo completamente solo ma, nel complesso, combatte dignitosamente una battaglia in cui non viene mai messo in condizione di influire.

Dal 40′ ÉDER SV

SPALLETTI 6,5 – Imbraga al meglio la Juventus e, a Torino, non è proprio semplice come dirlo, la maggior parte delle volte. Big Luciano, come a Napoli, l’ha studiata perfettamente dal punto di vista difensivo; per quanto riguarda la pericolosità, invece, vedremo nel girone di ritorno…

⇓⇓⇓ LA FOLLIA DI SPALLETTI: INVESTE NEBULONI CON LA MACCHINA! ⇓⇓⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy