PREPARATI AL MATCH – Tutto su Udinese-Inter

PREPARATI AL MATCH – Tutto su Udinese-Inter

Alle 20.45 il fischio di inizio dell’anticipo del sabato, valevole per la sedicesima giornata: dopo la convincente vittoria contro il Genoa, i nerazzurri sono chiamati a continuare la marcia che li vede protagonisti in vetta alla classifica. Complici gli scontri diretti tra Roma, Napoli, Fiorentina e Juventus, la partita di questa sera rappresenta l’occasione per guadagnare altri punti preziosi sulle inseguitrici. L’Udinese, però, vuole allontanarsi dalla zona retrocessione.

Commenta per primo!

Ancora 180 minuti prima di conoscere la classifica di Serie A che accompagnerà tifosi e addetti ai lavori durante le vacanze di Natale; ancora 180 minuti prima di sapere se l’Inter, impegnata quest’oggi a Udine e domenica prossima in casa contro la Lazio, tornerà in campo a gennaio da capolista. Nella giornata di domani, peraltro, Napoli-Roma e Juventus-Fiorentina hanno il compito di scremare o di rimpolpare la lista di pretendenti al titolo: approfittando di tali scontri diretti la formazione di Mancini potrebbe portarsi avanti col lavoro e iniziare a scavare un solco, ancora troppo superficiale ma pur sempre significativo, tra il vertice e qualche inseguitrice. Per gli amanti delle statistiche, poi, Udinese-Inter può essere un match da record: nel 2009-10, anno del triplete, gli uomini di Mourinho totalizzarono 16 punti in 8 gare in trasferta prima della sosta natalizia; una eventuale vittoria questa sera porterebbe l’Inter a 17 punti nello stesso numero di partite esterne e quindi a un nuovo record. Ma la strada verso il successo, come quasi sempre ci è sembrato in questa stagione, è in salita e la partita di stasera appare una rampa difficile da scalvare. Ce lo suggerisce anche il passato.

LA STORIA – Quella di oggi sarà la sfida numero 51 tra le due compagini in terra friulana: 19 sono i successi degli ospiti, a fronte di altrettanti pareggi e 13 sconfitte, l’ultima delle quali coincide con l’1-0 negli ottavi di finale di Coppa Italia 2013-14. La maggior parte delle vittorie casalinghe sono state ottenute a cavallo tra gli anni ’90 e gli anni ’00, quando Amoroso, Bierhoff, Muzzi, Sosa, Iaquinta e Fiore rendevano i nerazzurri una vittima sacrificale di lusso: memorabili in questo senso furono i 3-0 dell’8 aprile del 2000, con tripletta di Sosa, e del 21 ottobre dello stesso anno. Il più lungo digiuno di vittorie per l’Inter è durato dal 1998 al 2005, quando all’ottava giornata Julio Ricardo Cruz decise il match. Degni di nota sono anche lo 0-1 del 13 dicembre del 1998, quando Ronaldo risolse allo scadere una partita difficilissima e soffertissima, e il 2-3 con cui gli uomini di Mourinho, per l’occasione seduto in tribuna, uscirono vincitori dal ‘Friuli’ nel febbraio del 2010 (i gol di Balotelli, Maicon e Milito resero vani le realizzazioni di Pepe e Di Natale). Nello scorso campionato Icardi e Podolski segnarono i gol del successo interista, inframezzati dalla marcatura di Totò Di Natale.

IL PRESENTE – I 18 punti conquistati dall’Udinese sono il frutto di una buona condizione che dura da dieci turni: ad eccezione degli incontri esterni con Roma, Napoli e Fiorentina, i bianconeri hanno sempre fatto punti dalla sesta giornata a ora (4 vittorie e 3 pareggi). E, in maniera sorprendente, è soprattutto fuori dal ‘Friuli‘ che Danilo e compagni riescono a ottenere di più: Bologna, Chievo e Juventus hanno dovuto patire la sconfitta interna al cospetto degli uomini di Colantuono. La sensazione, infatti, è che la squadra riesca ad esprimersi al meglio quando deve difendersi e poi ripartire in contropiede con gli esterni molto veloci e l’appoggio di interditori abili anche a proporsi in fase offensiva. Non per niente Badu si sta rivelando uno dei migliori centrocampisti, per media-voto, di tutta la Serie A. Nelle ultime settimane ha tenuto banco il caso Di Natale: il capitano dell’Udinese non gode più della forma fisica dei giorni migliori e, anche per questo, Colantuono opta spesso per un maggiore turn-over davanti. Ecco perché qualcuno paventava addirittura un ritiro anticipato per il numero 10, ipotesi poi scongiurata dallo stesso attaccante e dal tecnico.

LE ULTIME – Per Udinese-Inter Mancini deve sicuramente fare a meno dello squalificato D’Ambrosio e di Santon, non convocato per infortunio. Qualora il tecnico di Jesi dovesse optare per uno schieramento non speculare a quello dell’Udinese – ipotesi da non sottovalutare del tutto, data la tendenza a sorprendere proprio del mister nerazzurro – sulla fascia destra tornerà Nagatomo. A sinistra invece, come già annunciato in conferenza stampa ci sarà Telles; centrali Miranda e Murillo davanti ad Handanovic. A centrocampo Mancini potrebbe lasciar fuori Felipe Melo in favore di un trio molto eterogeneo formato da Medel, Kondogbia e Brozovic. In avanti tornerà Icardi dal primo minuto, con Perisic e Ljajic a suggerire. Dunque probabile panchina per Palacio, Biabiany e Jovetic.
Stefano Colantuono ha mezza difesa indisponibile (Danilo e Felipe squalificati), oltre a Badu e agli infortunati storici Heurtaux, Kone, Merkel e Zapata. Karnezis difenderà i pali; davanti a lui agiranno Wague, Domizzi e Piris; a centrocampo le corsie esterne saranno occupate da Edenilson e Widmer, che ultimamente è tornato nelle grazie del tecnico ex Atalanta; in mezzo Bruno Fernandes e Iturra con Lodi centromediano metodista; Thereau e Di Natale comporranno la coppia d’attacco.
Appuntamento allo stadio ‘Friuli’ alle 20.45 per Udinese-Inter!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy