Derby di Milano: le indicazioni della storia

Derby di Milano: le indicazioni della storia

Tutti i numeri degli ultimi dieci anni: a chi e se conviene essere sfavoriti, che fine ha fatto chi ha risolto le ultime stracittadine, quando e come essere in casa o in trasferta incide…

Commenta per primo!

LA STORIA (RECENTE) DEI DERBY DI MILANO

curva nord derby 2015

Retorica vuole che un derby sia una partita senza pronostici né favoriti, in cui tutto può accadere a prescindere dallo stato di salute reale con cui le due contendenti si accostano alla gara. Anzi, la tradizione vorrebbe pure che sia la squadra messa peggio in quel frangente a vincere più spesso e che – quindi – arrivare alla stracittadina da “favoriti” quasi porti male. Ma è davvero così? E giocare “in casa” porta un qualche vantaggio, a livello di punti? Qual è il risultato più comune degli ultimi anni?

Abbiamo preso in esame gli ultimi dieci anni di Derby della Madonnina per capire se la vulgata popolare abbia effettivamente ragione o no e qualche dato interessante è in effetti emerso. Per avere un’unità di criterio invariabile, abbiamo scelto di considerare come “favorita” la squadra più in alto in graduatoria al momento della sfida, senza andare a ripescare dichiarazioni pre-partita dei protagonisti, bollettini medici, analisi dell’epoca, contestualizzazioni eccetera, visto che sul lungo periodo e con una buona mole di dati a disposizione tali differenze finiscono per essere trascurabili.

–> SCORRI LE SCHEDE PER I VOTI

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy