Pioli: “Non è il risultato che volevamo. Futuro? La proprietà giudicherà il mio percorso

Pioli: “Non è il risultato che volevamo. Futuro? La proprietà giudicherà il mio percorso

Ai microfoni di Sky e Inter Channel, Pioli commenta il deludente pareggio nel derby tra Inter e Milan

Ai microfoni di Sky, Pioli commenta il deludente pareggio per 2-2 nel derby delle 12:30:

I dettagli fanno la differenza, purtroppo il Milan ha accorciato le distanze ed alla fine abbiamo sofferto, ma nessuno pensava fosse finita. Concessi troppi spazi ad attaccanti veloci, poi ci siamo compattati, ma le gare vanno giocate fino all’ultimo secondo. Nel finale, poi, abbiamo sbagliato qualcosa sotto porta, non siamo riusciti a vincere una partita che avrebbe pesato molto. Il 2-2 pesa sul nostro presente e sul futuro del nostro campionato: sono sei mesi che rincorriamo, abbiamo faticato tanto ed oggi potevamo superare il Milan, dopo le prestazioni difficili delle ultime settimane. Non è il risultato che volevamo ottenere, ce l’avevamo a portata di mano e non ce l’abbiamo fatta. La rincorsa è ancora aperta ma più difficile, abbiamo sei gare per mettere in campo tutte le energie possibili. Ho messo Murillo per provare a non concedere spazi, poi abbiamo preso gol su palla inattiva ed abbiamo avuto delle occasioni clamorose che non abbiamo sfruttato. Avessimo sofferto particolari situazioni tattiche,avrei ammesso che l’ingresso di Murillo sarebbe stato un errore, ma non è questo il caso. Serviva fare densità e ripartire, questa era la nostra idea, tutti i giudizi sarebbero stati differenti senza l’ultimo calcio d’angolo, ora invece saranno inevitabilmente negativi. Fin quando c’erano equilibri si sono create situazioni offensive nelle quali dovevamo essere più efficaci, vincevamo 2-0 e bisognava gestire diversamente la partita, lo abbiamo fatto bene ma per due palle inattive si dirà tutto il contrario“.

Sul suo futuro: “Il mio futuro è legato alle scelte della proprietà che giudicherà una percorso e non una partita, presto si saprà, il nostro obbligo è quello di crescere e migliorare, provando ad essere più efficaci. La rincorsa non è terminata, abbiamo ancora delle gare da giocare contro avversari tosti“.

I commenti dell’allenatore continuano anche ai microfoni di Inter Channel:

“Abbiamo coperto bene il campo, avevamo scelto di non concedere spazi alle spalle della nostra difesa, la gara è stata gestita bene, ma bisognava essere più precisi in uscita. Ma ciò non toglie che stiamo commentando una partita nella quale meritavamo un altro risultato. Ogni partita ha un suo sviluppo. Nel primo tempo abbiamo concesso qualcosa, mentre niente nella ripresa. Malgrado il gol subito che ha riaperto la partita, abbiamo comunque avuto palle importanti per il 3-1. A stringere, il Milan ha pareggiato su due palle da fermo”, ha detto Stefano Pioli.

Quando gli è chiesto se ci fosse soddisfazione per la prestazione nonostante il pari, l’allenatore emiliano ha risposto così: “No, lo saremmo stati solo con un successo. Ora dobbiamo fare ancora meglio nelle prossime giornate. Sono mesi che rincorriamo ma non abbiamo niente in mano. Oggi siamo delusi, inutile negarlo. Volevamo riscattarci, per noi stessi e per i tifosi. E’ un problema non esserci riusciti, ma abbiamo il dovere di non fermarci”.

“Da salvare c’è la voglia della squadra di portare a casa un risultato importante. Ovviamente degli errori sono stati commessi, ma per gran parte della partita siamo riusciti a fare quello che avevamo preparato in settimana“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy