Inter-Parma, D’Aversa in conferenza: “Questi tre punti un premio per noi. Su Dimarco…”

Inter-Parma, D’Aversa in conferenza: “Questi tre punti un premio per noi. Su Dimarco…”

Le parole dell’allenatore degli emiliani dopo una vittoria a San Siro che ha del clamoroso

di Matteo Rasile, @teo_ras

Con tre punti pesantissimi in tasca, il tecnico del Parma Roberto D’Aversa si presenta in sala stampa per la consueta conferenza post partita di Inter-Parma, conclusasi sul risultato di 0-1.

PRESTAZIONE – “Non essere soddisfatti dopo questa prestazione non mi sembrerebbe giusto. Per come si era preparata la partita, con sacrificio e attesa per le ripartenze, credo che i ragazzi l’abbiano interpretata nel migliore dei modi. Ci vuole anche un pizzico di fortuna, ma questo avviene quando affronti la partita con la massima abnegazione.

PRIMA VITTORIA IN SERIE A – “Se me l’aspettavo a Milano? Sinceramente preparo ogni partita per il massimo risultato, non avrei firmato per il pari. È chiaro che per quello che si è fatto in queste partite penso che i ragazzi avessero raccolto meno di quanto meritato sul campo. Oggi sono stati premiati per come hanno affrontato la partita, con uno stadio del genere, contando che per alcuni era la prima volta. Abbiamo provato a giocare, forse potevamo gestire meglio dopo il vantaggio.

GOBBI E DIMARCO – “Durante l’intervallo (Gobbi, ndr) aveva un taglio nel piede che continuava a sanguinare, è stata una scelta obbligata. Fa piacere che Dimarco sia entrato al suo posto e abbia regalato i tre punti al Parma. È la dimostrazione di un ragazzo che si allena bene, sta migliorando nell’aspetto difensivo e penso abbia dimostrato anche di poter competere in questa categoria. Sono felicissimo per lui. Gli ho detto che quando uno si impegna, e a volte magari non scende in campo, poi alla fine viene premiato. Mi auguro sia l’inizio di una carriera importante.

DALLE CATEGORIE PRECEDENTI ALLA VITTORIA A SAN SIRO – “In questi tre anni questa società ha fatto un percorso straordinario, storico e unico. Noi dobbiamo essere bravi a mantenere la categoria che è la cosa più importante. I nuovi arrivati, sia i più esperti sia i più giovani, devono capire il valore di ciò che si è fatto in passato. Quest’anno dobbiamo essere bravi ad avere un rapporto migliore nei confronti dei brutti risultati, perché siamo stati abituati a vincere molto negli ultimi anni, nelle serie minori.

IACOPONI – “Aveva già saltato un’amichevole per influenza, inoltre aveva i crampi quindi è stato un cambio obbligato. Ho fatto entrare Sierralta anche per una questione di centimetri, per saltare in area su Icardi.

SEPE – “Ho aspettato a fare l’ultimo cambio per sostituirlo ma poi ho avuto garanzie che potesse continuare la partita.”

INTER PORTATA SULLE FASCE – “Per il modo in cui interpretiamo la fase offensiva preferiamo che il gioco vada per vie esterne piuttosto che centrali, visto che c’era Nainggolan che tra le linee può far male, anche con i tiri dalla distanza. Preferisco che gli avversari vadano al cross piuttosto che per vie centrali, anche se la fase difensiva non finisce nel portare larghi gli avversari, siamo stati bravi noi a chiudere sui cross.

GERVINHO – “Difficilmente un allenatore condivide il minutaggio con i giocatori, ma non conoscendolo e venendo lui da un campionato diverso, mi sono sempre messo d’accordo con lui sul suo utilizzo. In questo momento, dobbiamo essere bravi a portarlo al 100% per novanta minuti, ma è uno di quei giocatori che obbliga la squadra avversaria a tenere qualcuno bloccato per via delle sue ripartenze. Ha bisogno ancora di lavorare, ma quello che mi stupisce è la disponibilità con cui lui è venuto a giocare in una piazza come Parma dopo una carriera importante.

CHIAVE DELLA VITTORIA – “A fine primo tempo ho detto di provare ad aumentare il baricentro, perché a volte la squadra non accompagnava, certe volte ci siamo anche allungati troppo. Ho provato a dire di giocare con personalità e di guadagnare campo, perché aspettare in area alla lunga avrebbe portato a farci del male. Non siamo partiti benissimo nel secondo tempo, ma siamo stati bravi a cercare di concedere poco. Arrivare qui con un solo punto in classifica e con molti giocatori all’esordio a San Siro, sono soddisfatto e penso che questa vittoria sia un premio.

LEGGI ANCHE – Inter-Parma, le ultime sull’infortunio di D’Ambrosio

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

VIDEO – GABIGOL SEMPRE PIÙ CAPOCANNONIERE IN BRASILE: ALTRA DOPPIETTA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy