Mancini a Premium: “Amareggiato per l’atteggiamento. Murillo è stato pollo nel farsi espellere!”

Mancini a Premium: “Amareggiato per l’atteggiamento. Murillo è stato pollo nel farsi espellere!”

Il tecnico nerazzurro ha analizzato la disfatta dell’Olimpico ai microfoni di Mediaset Premium.

mancini dimissioni

L’Inter esce sconfitta 2-0 dall’Olimpico e, oltre a salutare aritmeticamente il terzo posto, non riesce ad ipotecare il quarto.

Al termine di Lazio-Inter, come di consueto, Mancini ha analizzato il match ai microfoni di Mediaset Premium. Ecco le sue dichiarazioni: “Serata amara? Sì, abbiamo giocato male nel primo tempo, malissimo nei primi 20′. Abbiamo meritato di perdere. Meglio il secondo tempo, potevamo pareggiarla ma non ci siamo riusciti. Primo tempo compromesso perchè siamo entrati in campo molli, Klose ha fatto un gol troppo facile. La vittoria serviva per darci il quarto posto matematicamente e per continuare ad avere una piccola speranza in caso di passo falso della Roma a Genova. Abbiamo difficoltà enorme a fare gol, ci manca qualità e dobbiamo lavorare per migliorare queste cose. L’avevamo preparata bene ma siamo stati davvero sottotono, almeno nel primo tempo. Nei primi 20′ sembrava una partita di precampionato. Abbiamo sbagliato troppe volte l’ultimo passaggio e ci manca sempre la cattiveria. Brozovic? Ha delle lacune perchè alterna grandissime partite ad altre dove sbaglia le cose più semplici. Ma lo fa perchè è giovane. Deve trovare continuità perchè ha grande qualità e grande corsa, può giocare ovunque. Lascerei l’Inter per la Nazionale? Ho risposto già troppe volte (ride). Amareggiato? Sì, per l’atteggiamento di alcuni giocatori. Murillo è stato un pollo nell’espulsione, è arrivato con la foga. Doveva fermarsi, è stato ingenuo. Spero che gli serva per il prossimo campionato. L’unica cosa che un po’ stona è che siamo la squadra che ha fatto meno falli in Serie A ma abbiamo 11 cartellini rossi“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy