Deschamps: “L’Inter resta la favorita. Loro dopo il sorteggio…”

Deschamps: “L’Inter resta la favorita. Loro dopo il sorteggio…”

Commenta per primo!

E’ un Didier Deschamps a 360° quello che ha parlato a La Gazzetta dello Sport, in questa lunga intervista infatti ha affrontato diversi temi tra cui il momento di crisi dell’Inter. Ecco la lunga intervista ripresa da FcInterNews.it:

Ogni volta che la panchina dell’Inter traballa salta fuori il nome di Blanc. Didier, lei che gli è amico, gliela consiglierebbe?  “Lolò è intelligente, sa scegliere da solo. Il mestiere di allenatore è sempre a rischio. E? giusto: la nostra vita è il breve termine. Ma guardate Capello al Real o Kombouaré al Psg: ormai non bastano neanche i risultati. Non fa bene a nessuno lavorare così, senza logica sportiva. Ancelotti potevano prenderlo a inizio stagione”.

Che cosa porta a Parigi?  “La scienza internazionale di chi ha vinto tanto, da giocatore e da tecnico. E poi professionalità: parla già francese”.

Parigi capitale anche nel calcio è un bene per la Ligue1 o è al limite della concorrenza sleale proprio nella patria dell’assertore del fair-play finanziario?  “No, è un bene che gli stranieri investano anche qui. Quanto al fair-play, il Psg non ha debiti, può spendere e comprare chi vuole. Beati loro. Io devo trovare altre soluzioni”.

Come tecnico, quale è stata la lezione di Lippi?  “La gestione di una squadra attraverso il dialogo coi giocatori, senza essere amico o paternalismo. Questo genera fiducia: la dai e la ottieni”.

Quanto ad allenatori, con 4 l’Italia è il Paese più rappresentato in Champions: il nostro calcio a livello tattico resta il migliore?  “E? vero, sono tanti e ottengono ottimi risultati. E altri stanno arrivando. La Serie A è molto formativa”.

Chi vince la Champions?  “Barcellona e Real hanno qualcosa in più. Non molto distanti Milan, Inter e Bayern: possono arrivare in fondo”.

E l’Europeo?  “Ancora la Spagna? E? favorita. Ma i giovani talenti possono lanciare Germania e Italia”.

In Francia c’è un netto calo di tesserati, sponsor e spettatori: state ancora pagando il Sudafrica?  “Quel momento resterà a vita. Fu un danno di immagine in mondovisione, ma in parte è recuperato grazie a Blanc. I cali non dipendono dal Mondiale, ma dalla crisi: andare allo stadio o far praticare lo sport a un figlio è diventato un lusso”.

Si diceva dell’Inter: lei, dopo quel che successe con la Juve, avrebbe delle preclusioni ad allenarla?  “Capello diceva che non ci sarebbe mai andato, e poi abbiamo visto come è finita. L’allenatore è un professionista, lavora dappertutto”.

Quindi quella di domani per lei, due volte ex juventino, è un?avversaria come le altre?  “Sì. Quella storia ha fatto male al calcio italiano, ma è il passato. La rivalità ci sarà sempre, non serve mettere benzina sul fuoco”.

Oggi che Juve è?  “Ha investito molto. Ma vedo fame di vittoria e in questo Antonio ci ha messo tanto di suo. E? stato anche bravo ad adattarsi a un gioco diverso da quello che aveva in mente. Può vincere il titolo”.

Dunque aveva ragione Blanc, Jean-Claude, a sostenere nel 2006 che ci sarebbero voluti 5 anni per tornare a vincere?  “Ai tifosi non si può mai dire “vinceremo fra 4-5 anni”. Ma la B obiettivamente era un disastro e non ci si poteva riuscire subito”.

Il suo addio a Torino con Blanc fu burrascoso: come è stato ritrovarvi da avversari in patria?  “Ci eravamo già riparlati. Non siamo amici, ma siamo rimasti in contatto e ora abbiamo un buon rapporto. Mi piace quello che sta facendo a Parigi”.

E lei, al 10° anno da allenatore, è contento di quel che ha fatto finora?  “Io sono migliorato, come il vino. Ho più esperienza e sono meno impulsivo. Ho imparato ad adattarmi, a fare un passo indietro. Altrimenti non sarei qui da 3 anni, che per questa società è un record. Sono orgoglioso di quello che sto facendo a Marsiglia”.

Cinque titoli in 2 stagioni in un club che non raccoglieva niente da 17 anni.  “Forse non vincerò tutto quello che ho vinto da giocatore, ma ho iniziato giovane e all’inizio avrei potuto fare meglio”.

Aveva mai avuto una donna come datrice di lavoro?  “No. Abbiamo un ottimo rapporto, anche se quello principale è col presidente Labrune. Margarita Louis-Dreyfus, rimasta vedova, ha dovuto lottare per difendere i propri interessi, si occupa del patrimonio e ha delegato l’OM a persone di fiducia. E? una donna con i pantaloni”.

Che però ha chiuso i cordoni, costringendola a valorizzare quel che aveva: gli Ayew figli di Abedì Pelé, Remy, Diarra e Nkoulou di cui si dice un gran bene.  “In effetti dopo 2 anni di investimenti, quest?anno si è piuttosto venduto. Si è comprato in base alle possibilità, ma sempre per la qualità dei giocatori: non hanno esperienza di Champions, si tratta di farli migliorare a livello mentale”.

Com?è allenare i figli di un ex compagno di squadra?  “Nessun problema. Quel che è difficile è allenare gli ex compagni (ride, ndr)”.

La miglior virtù del suo Marsiglia?  “Quella di crederci fino alla fine. Anche contro l’Inter”.

Che squadra trovate?  “Non è quella delle ultime partite che hanno pregiudicato la corsa allo Scudetto. Sarà concentrata sulla Champions e tutto sommato 9 giocatori su 11 erano titolari nella finale vinta meno di due anni fa: il suo obiettivo è vincerla di nuovo”.

E il vostro?  “Il nostro era qualificarci per gli ottavi, ora i quarti. Ma la favorita resta l’Inter e non lo dico per metterle pressione: dopo il sorteggio loro erano contenti, no? E? giusto, l’accetto”.

Tra Samuel e Forlan, chi avrebbe preferito restasse indisponibile?  “Ci metterei anche Sneijder, fondamentale sui calci piazzati e per le palle con cui alimenta attaccanti come Pazzini, Milito e Forlan. E? la qualità individuale il problema con questa squadra”.

Qualificazione all’andata o al ritorno?  “Al ritorno, come sempre. L’andata serve a preparare la partita decisiva e noi a Marsiglia abbiamo l’obiettivo di non prendere gol per non dar loro il vantaggio della rete fuori casa oltre a quello del ritorno a San Siro”.

Quindi stavolta in trasferta la rapina contate di farla voi?  “Quel problema per fortuna è risolto. Ma diversamente da quella banda noi agiremo a volto scoperto!”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy