Spalletti a La DS: “Nainggolan? Ora possiamo agire sul mercato. Eder può essere il nostro Mertens””

Spalletti a La DS: “Nainggolan? Ora possiamo agire sul mercato. Eder può essere il nostro Mertens””

Il tecnico nerazzurro ha risposto alle domande dei giornalisti della Rai

Commenta per primo!

Hanno fatto tanto rumore le dichiarazioni di Luciano Spalletti e i giornalisti de La Domenica Sportiva lo punzecchiano subito sul calciomercato, entrato nella sua fase più calda, durante l’intervista avvenuta questa sera su Rai 2: “Non credo di aver fatto dichiarazioni forti: abbiamo fatto tesoro di quanto successo all’Inter nelle ultime stagioni. Dobbiamo partire veloci e forti, dunque è bene mettere subito chiarezza sul nostro cammino. Non ho mai detto che io sono l’Inter: questa società ha dirigenti importanti e conosciuti da tutti nel mondo del mercato, collaboratori splendidi. Ho portato persone competenti, ma ne ho trovate tante qui. Senza appartenenza non ci possono essere risultati, dobbiamo dare la storia che merita a questa società. Non abbiamo la possibilità di aspettare del tempo, di pazientare per una crescita. Questo è avvenuto negli anni precedenti, ma ora abbiamo tratto delle conclusioni diverse: l’idea di fare subito il salto è dell’Inter, prima ancora che mia”.

Per l’imminente arrivo di Borja Valero, il tecnico di Certaldo ha speso belle parole: “Borja è un giocatore forte ed esperto, sa mettere subito a disposizione tutto il suo bagaglio. Tutti i giorni ci darà il suo marchio, e noi abbiamo bisogno di questa costanza quotidiana. Sa giocare ovunque, poichè sa trattare il pallone: è chiaro che è attratto dagli spazi, ma sa giocare anche davanti alla difesa, come ha fatto alla Fiorentina quando mancava uno tra Vecino e Badelj. La sua posizione si definirà anche in base alla conoscenza di Gagliardini, nel capire se può fare il mediano basso da solo, o di Kondogbia, che ha stupito molto. Pensavo fosse uno che tiene molto la palla, invece sa passarlo con forza e velocità”.

I tifosi chiedono a gran voce un top player e tutti gli indizi portano a Radja Nainggolan, che Spalletti ha allenato alla Roma: “Fare tanti nomi a caso è volantinaggio puro, depistaggio per disorientare le altre società. Radja è un giocatore che sa fare il mediano, ma sa allungarsi anche in trequarti, calciando in porta e facendo male. Nell’Inter ci sono però altri giocatori forti: dobbiamo chiarire questioni interne, in merito a voci che mi vengono riportate su eventuali partenze. da domani si metteranno i puntini sulle ‘i’, e a qualcuno chiariremo che è meglio vada a giocare con continuità, poiché noi non possiamo aspettare la crescita di nessuno. Juve, Roma e Napoli sono 30 punti avanti ed è un gap difficile da colmare, se si vuole puntare al quarto posto bisogna lavorare e mettere in pratica. Le tempistiche di mercato son sicuramente sbagliate, andrebbero modificare. Finora eravamo legati al FFP. Ora possiamo agire liberamente”

Sulla ricerca di un vice-Icardi, l’allenatore non ha dubbi: “Andrea Pinamonti in prospettiva diventerà un grandissimo calciatore, ma il sostituto di Icardi ce l’abbiamo già: Eder sa fare la prima punta, può fare la punta di movimento e sa attaccare gli spazi, ha grande confidenza con la porta avversaria. Può essere il Dries Mertens della situazione perchè è un giocatore che ha quelle caratteristiche”

LA PRESENTAZIONE DI SPALLETTI IN DIECI FRASI

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy